Gli scontri a Roma e quel profondo disagio

roma%20sco.jpg

di Massimo Brignolo

Mentre sul singolo episodio degli scontri avvenuti ieri in Piazza Navona tra manifestanti di destra e manifestanti di sinistra, è edificante il racconto dal campo di Curzio Maltese apparso oggi su Repubblica con il titolo "Un camion carico di spranghe e in Piazza Navona è stato il caos", la stampa straniera, e in particolare il quotidiano svizzero Le Temps, ci aiuta ad allontanarci dall'episodio singolo di attualità e ad analizzare con un certo distacco la situazione.

"Un'Italia prigioniera del suo passato " titola l'editoriale di Stephane Bussard che rileva come lo scontro in corso con sullo sfondo la riforma dell'Istruzione sia "il sintomo di un disagio più profondo".

Secondo il quotidiano svizzero, "la radicalizzazione dei rapporti sociali degli italiani nei confronti degli immigrati e degli italiani tra di loro è un indicatore allarmante di una crescente intolleranza". "Si moltiplicano gli scontri. Negli stadi, gli ultra si sentono legittimati a fare il saluto nazista. I nostalgici di Mussolini non sono mai stati così numerosi e non si censurano più nel sottolineare che l'autoritarismo del Duce aveva qualcosa di buono".

[continua a leggere]

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO