Orrore alle porte di Roma: trentenne massacra i genitori a colpi di machete

mentano.jpg

E' andata in scena la follia ieri sera a Mentano alle porte di Roma quando un uomo di 30 anni ha ucciso i propri genitori a colpi di machete. Teatro dell'efferato omicidio la villetta su due piani in via delle Molette in cui i tre vivevano.

L'artefice del gesto, Valerio Ullasci, di 30 anni,  ha subito confessato il terribile massacrato agli agenti della polizia chiamando lui stesso il 113. Il giovane ora è in carcere, dove è stato interrogato per tutta la notte.

A quanto emerge dalle confessioni, prima ha colpito il padre, Vincenzo Ullasci di 59 anni alle spalle e successivamente ha costretto la madre, Maria Spina di 60 anni, a inginocchiarsi, per poi di infierire su di lei. I colpi sferrati sarebbero stati diversi e in più parti del corpo. 

L'orribile gesto resta però ancora senza spiegazione. Il capo della squadra mobile Vittorio Rizzi avanza un'ipotesi: "Si tratta di un'azione premeditata: prima ha colpito con il macete il padre, prendendolo alle spalle poi ha fatto mettere in ginocchio la madre e l'ha uccisa''.

Ancora oscuro anche il movente. L'uomo che lavorava come cameriere nel ristorante di Mentana gestito dal padre. Circa dieci anni fa i coniugi avevano perso una figlia per una grave malattia.

Sotto sequestro sia la villetta che l'arma del delitto.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO