Due scosse sismiche al Nord Italia: danni minimi e nessun ferito

epicentro-Nevianosshot-1.jpg

Questo Natale ci ha portato sotto l'albero due scosse sismiche. E' stata sicuramente una sorpresa (brutta) quella di magnitudo 5.2 di ieri pomeriggio poco dopo le 16. Prevedibile quella di ieri sera attorno alle 23 di magnitudo 4.8 (assestamento).

A ballare è stato un po' tutto il Nord Italia, anche se non ci sono stati feriti e i danni registrati sono stati praticamente nulli. Lo hanno definito un terremoto "forte ma non distruttivo" con epicentro localizzato nei comuni di Vetto, Canossa e Neviano degli Arduini, sull'Appennino tra Parma e Reggio Emilia.

Il sisma è stato avvertito in Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Trentino Alto Adige e Liguria. Come già detto a Como e Lecco molte persone sono addirittura uscite dalle loro abitazioni. Va comunque detto che moltissime persone non si sono accorte di nulla. Panico a Neviano degli Arduini dove per qualche secondo la terra ha davvero tremato. Paura anche a Traversetolo, in provincia di Parma, dove due chiese sono state dichiarate inagibili nelle piccole frazioni di Mamiano e Vannone.

Le Ferrovie dello Stato hanno temporaneamente interrotto nel tardo pomeriggio le linee Bologna-Verona e Bologna-Milano, ma tutto è tornato alla normalità nel giro di un'ora. "Si tratta di un tipico terremoto di quella zona dell'Appennino settentrionale, come ve ne sono stati anche altri del passato - ha spiegato Enzo Boschi, direttore dell'Istituto nazionale di Geofisica e Vulconalogia - Probabilmente vi saranno scosse successive nelle prossime ore o nei prossimi giorni, tipiche di assestamento, ma saranno tutte minori di questa".

Va detto che la notizia è rimbalzata su Facebook con qualche minuto di anticipo rispetto a Ansa, SkyTg24 e organi d'informazione online. Una bella vittoria non solo per i social network, ma soprattutto per l'informazione 2.0.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO