Proteste e ritardi negli aeroporti di Linate e Malpensa per la partenza della nuova Alitalia

prot.jpg

Fatto l'accordo con Air France alla faccia della Moratti, delle promesse pre elettorali e dell'intera Italia oggi partono le agitazioni (foto Corriere). Tutti i voli della nuova Alitalia in partenza da Linate e Malpensa hanno subito pesanti ritardi per le proteste dei lavoratori della compagnia, che ovviamente temono per la sorte dei posti di lavoro. Tutti speravano in Lufthansa, che pare avrebbe voluto un solo hub (non è dato saperlo visto che fino all'ultimo non ha presentato proposte), mentre se tutto resta così Alitalia vorrebbe sviluppare alternativamente Malpensa o Fiumicino mandando tutto il resto a Parigi o Amsterdam.

Come scrive Milano 2.0 la Camera di Commercio di Milano ha chiesto un incontro urgente con i vertici di Cai per chiarire il ruolo di Malpensa. Infatti una loro indagine avrebbe mostrato che con un depotenziamento di Malpensa sarebbero a rischio circa 10mila posti di lavoro. Di conseguenza ci potrebbe essere una perdita di 4 miliardi di euro per il sistema imprenditoriale milanese dovuta al calo del fatturato.

Colaninno però minimizza le proteste

"Credo che siano le ultime manifestazioni che riguardano una minima parte dei problemi che abbiamo dovuto affrontare dal punto di vista sindacale"

Sembra che una lettera di Lufthansa alla fine ieri sia arrivata, ma solo dopo mezz'ora dall'inizio del cda. E quindi le trattative con Air France erano già avanti.

"Lufthansa ed Air France sono due grandi multinazionali, hanno le loro strategie e le loro tattiche. Air France si è aperta a noi circa un mese e mezzo fa, ha gestito rapporti concreti, e ci siamo trovati a discutere di contratti e condizioni. Con Lufthansa invece nonostante le mie telefonate non sono mai riuscito ad avere un appuntamento con il presidente e l'ad della compagnia. Lufthansa ha diritto ad avere una sua strategia, ma anche noi ad avere la nostra. Noi abbiamo ricevuto due lettere di Lufthansa, la seconda è arrivata solo ieri a mezz'ora dal Cda"

Troppo tardi insomma. Sono tutti molto preoccupati. Anche perchè ritorna l'ipotesi del ridimensionamento di Linate.Come spiega il Corriere Malpensa è destinata ad essere l'hub di riferimento e Alitalia e Air France svilupperanno una strategia multi-hub, in cui Fiumicino e Malpensa saranno protagonisti. Si amplierà l'offerta di voli nazionali, europei e intercontinentali da e per Roma e Milano, e il miglioramento della qualità e dell'efficienza del servizio.

Per quanto riguarda nello specifico Malpensa invece per i prossimi anni è previsto un aumento delle rotte internazionali dalle attuali 3 a 14, però si dovrà ridimensionare Linate come city airport specializzato nella tratta Milano-Roma.

Blogosfere Politica e Società spiega nel dettaglio le novità e, come ha scritto Tiziano Scolari di Scheggedivetro, Air France si è comprata un quarto di Alitalia, ma si sa, non tutte le ciambelle escono col buco. Qui potete controllare la situazione dei voli in tempo reale, visto che alcuni registrano già alcuni ritardi, anche se i prezzi per ora rimangono invariati.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO