L'intervista a Davide Franceschini su Studio Aperto qualche ora prima della violenza di Capodanno

studioaperto.jpg

Che sfortuna (sua) e che fortuna (loro). Tra tutte le persone che il contestato tg di Italia 1 Studio Aperto ha incontrato durante i vox populi raccolti al ravemegapartydicapodanno Amore 09 alla Fiera di Roma c'è anche Davide Franceschini, il ragazzo che ha confessato di aver commesso lo stupro nei confronti di una barista. E che è stato spedito a casa ai domiciliari tra mille polemiche (il gip spiega tra le altre cose che non c'è paura di reiterazione del reato).

Il filmato è stato acquisito dagli investigatori della mobile ed è servito anche a identificarlo. Il video di Studio Aperto pubblicato da Repubblica Tv mostrava un giovane molto su di giri (come spesso si vede nei servizi del tg), tamarro quanto basta con canotta e cappello da cowboy, che dichiarava

"nel 2009 c'è da divertirsi poi c'è 'sta festa che sse chiama "Amore"...ce po' esse'...io e la mia cuggina, l'amore mio"

Ci sarà poco da divertirsi in carcere, si spera per molto tempo, dopo quello che ha combinato di lì a poche ore.

Il bello è che lui invitava

"non portate la macchina...dopo quello che è successo a Civitavecchia… Noi mo se divertimo qua e poi là…"

Oltre a questo c'è da segnalare che sono apparsi striscioni di solidarietà nei confronti del ragazzo

"Davide: non importa ciò che dice la gente, sei innocente. Gli amici e le amiche"

"Chi parla male di te è perché non ti conosce"

"Più verità meno bugie, Davide ti vogliamo bene"

Il Pdl di Fiumicino ha denunciato duramente questo fatto

"Riteniamo gravissimo quanto accaduto durante la nottata. Ignoti hanno avuto il cattivo gusto di affiggere manifesti di solidarietà al giovane violentatore reo confesso, dimostrando un atteggiamento inqualificabile che rischia di sfociare in una celebrazione ignobile del branco e di sfregio morale ed umano"

Invece ieri quasi rischiavano il linciaggio i 4 stupratori di Guidonia. Forse ci sono stupri di serie A e stupri di serie B. Perchè non ci sono state manifestazioni di rabbia, ma di solidarietà per uno stupro, per giunta confessato?

Il ministro degli Esteri Franco Frattini ha chiesto la linea dura contro gli stupratori di Guidonia

"Gli stupratori romeni devono scontare la pena nel loro Paese. La comunità romena è quella dalla quale purtroppo viene una gran parte di coloro che commettono reati in Italia. Sarebbe vera solidarietà europea se la Romania accettasse che i connazionali scontassero la pena nelle loro carceri"

Non è molto lusinghiero nei confronti del nostro sistema carcerario.

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO