Garlasco, nuova rivelazione dell'accusa: "La bici di Alberto Stasi fu lavata"

bicistasi.jpg

UPDATE! ORE 17,00:
Su Facebook nasce il gruppo dei fan di Alberto Stasi, a scriverlo è l'Agi.
...

A una settimana dall'apertura dell'udienza preliminare, davanti al gup Stefano Vitelli, in cui si deciderà se accogliere o meno la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti di Alberto Stasi (unico indagato) per l'omicidio volontario della fidanzata Chiara Poggi, sono state depositate dai legali della famiglia Poggi due consulenze.

Proprio da una di queste verrebbe smontata la difesa di Alberto. Per alcuni elementi, rivela SkyTg24.

Il primo, la bicicletta: sarebbe stata accuratamente lavata, prima di essere sequestrata.

Il secondo, il dispenser di sapone nel bagno della villetta: riporta tracce del giovane, ma anche di Chiara (è stato rinvenuto il suo Dna, ma non le sue impronte).

Il terzo, la casa:non vi sono tracce di estranei.

Il quarto, il computer: la sera prima del delitto è stato chiuso improvvisamente.  Inoltre, sempre quella sera, sarebbero state usate due diverse chiavette usb. Una di Chiara (usata per scaricare le foto del weekend a Londra); l'altra mai stata trovata.

Ieri, nel frattempo, il direttore di Libero, Vittorio Feltri ha intervistato in esclusiva Alberto. Scrive: "Mi aspettavo un essere diabolico, il famoso biondino dagli occhi di ghiaccio ritratto nella fotografia riproposta mille volte, imperturbabile nella sua spietatezza" e invece, spiega, mi trovo davanti a un giovanotto.

feltrigarlasco.jpgAll'incontro assistono anche i due legali di Stasi, i fratelli Colli, che con il bocconiano hanno un rapporto di "confidenza amicale". Racconta Feltri che Alberto, cerca, nonostante tutto, di trascorrere una vita normale: "Vado al cinema, in pizzeria, la compagnia di qualche amico. Con i genitori non ho problemi. Aspetto con tranquillità"

Poi continua Feltri, parla di Chiara con una punta di commozione: "La conobbi appena trasferito a Garlasco, mi pare nel 1999. Insegnavamo ai bambini dell'oratorio. Poi sa come accade... Ci intendevamo. Ci siamo voluti bene. Lei aiutava me, io aiutavo lei...".

Infine una rivelazione: "Certe sere, dopo il tramonto - scrive - Alberto esce dalla tana dei genitori e percorre la strada che conduce al cimitero. Anche l'ultimo dolente è andato a casa e lui sta lì, con Chiara finchè il cancello è aperto. Forse le parla, forse prega".

  • shares
  • Mail
104 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO