G20 a Londra, sale la tensione (e rischia di esplodere): scontri nel cuore della City

scontrott.jpg

UPDATE 17.30: La situazione ora sembra tranquilla. I manifestanti continuano ad assediare il centro di Londra, ma non ci sono più scontri. La maifestazione sembra pacifica. Speriamo di poter chiudere il live con quest'ultimo aggiornamento sulla "calma ritrovata".

UPDATE 16.50: A quanto pare è in atto una pratica di contenimento già sperimentata in altre manifestazioni da Scotland Yard. Ma i manifestanti non la pensano così: «Questa è una protesta pacifica, ma ci tengono in gabbia come animali - dice un 40enne -. Devo andare a prendere i miei figli a scuola: non sono qui per creare disordini. Se accadranno episodi violenti sarà solo perché non ci lasciano uscire».

UPDATE 16.20: Ecco un'immagine - qui sotto - che riguarda l'attacco alle vetrine delle banche. Gli arresti, intanto, salgono a 23. Sono ancora migliaia i manifestanti in piazza. Un poliziotto è stato ferito. 

bb.jpg

UPDATE 16.00: Un testimone oculare, un operatore della City, in collegamento in diretta con Skytg24, afferma di vedere dalla finestra gruppi di persone vestite di nero che si spostano per la città creando caos. Oggi è stato anche fermato un camioncino sospetto: all'interno erano contenute false divise da poliziotto.

UPDATE 15.50: Le banche sono assediate dai manifestanti. Davati alle vetrine imponenti cordoni di polizia. Per ora la situazione è statica. Gli operatori finanziari che lavorano nella City sono bloccati all'interno degli edifici.

UPDATE 15.20: Qui sotto, nello screenshot preso da SkyNews, gli scontri più duri tra polizia a manifestanti.

sky%20news.jpg

UPDATE 15.00: Cominciano gli arresti (fino ad ora 11), le vetrine della Royal Bank of Scotland sono andate in frantumi. Alcuni manifestanti le hanno sfondate. Sono stati assaltati anche alcuni negozi.

-----------------------------------------------

La situazione, a Londra, è tesa. Questo post non entra nel merito economico del G8, per approfondire questo aspetto andate su Economia e Finanza.

black.jpg

Proviamo invece ad addentrarci nell'aspetto sociale della manifestazione che in queste ore, nel cuore della City, rischia di sfociare in violenza. Già nei giorni scorsi si parlava di un possibile ritorno nelle piazze dei gruppi anarchici più violenti; chiamateli come volete, Black Bloc o anarco-insurrezionalisti, il risultato è che piccoli gruppetti di manifestanti, in queste ore, stanno iniziando a distruggere le vetrine delle banche. Sono loro (le banche) il principale obiettivo, loro le principali colpevoli di questa crisi che sta mettendo in ginocchio il mondo. Sembra di rivedere scene tragiche che abbiamo già visto in quel tragico G8 di Genova. O meglio, sembra di rivedere l'inizio di quella tragica giornata.

g20%20londra.jpg

In realtà molti tra voi, che in questo momento sono a lavoro, non hanno idea di come sia stiano vivendo questi attimi. Sembra di vivere il classico momento che precede la "possibile esplosion"e. Ma a tutto questo c'è un'alternativa: potrebbe anche essere il classico attimo di tensione che poi sfocia nel nulla. Ed è quello che ci auguriamo. Anche perchè le immagini parlano chiaro: Londra è assediata da migliaia di persone (il 98% pacifiche) e se le cose dovessero degenerare ci potremmo trovare di fronte ad un nuovo possibile momento buio. Noi, che siamo qui in redazione con la tv accesa sul SkyTg24, stiamo vedendo le prime immagini delle banche assaltate. E anche delle prime scaramucce tra manifestanti e polizia.

Gli operatori delle banche, questa mattina, erano stati avvisati: andate a lavoro senza giacca e cravatta, rischiereste il linciaggio. Le misure di sicurezza messe in campo dal governo inglese sono imponenti. In totale si sono spesi 7,5 milioni di sterline. Ci sono cecchini sui tetti e i tombini sono stati bullonati.

Dicevamo del difficile momento sociale che sta vivendo l'Europa e il mondo intero. E' questo a rendere pericolose le manifestazioni di piazza. La gente non è semplicemente scontenta, milioni di persone non hanno un futuro davanti ai propri occhi: questa potrebbe essere un'occasione per sfogare la propria rabbia.

In questo post vi terremo aggiornati su eventuali degenerazioni della manifestazione con continui update. In verità, la speranza, è quella di mettere qualche aggiornamento senza dover parlare di altri disordini. In quanto a possibilità siamo al 50 e 50. Impossibile capire cosa succederà nelle prossime ore. E a luglio - ricordo - toccherà all'Italia, con il G8 in Sardegna.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO