Terremoto in Abruzzo, epicentro a L'Aquila: è stato di emergenza. E'polemica sulla prevedibilità del sisma

terremotoaquila1.jpg

UPDATE! 7 aprile 2009
Tutti gli aggiornamenti continuano qui

UPDATE! h. 22.21
Il premier Silvio Berlusconi è intervenuto telefonicamente a "Matrix" e "Porta a Porta". "Per la ricostruzione delle zone distrutte dal sisma che ha colpito l’Abruzzo sono immediatamente disponibili 30 milioni di euro. Serviranno ingenti somme. Arriveranno qualche centinaia di milioni". Per ora non servono gli aiuti offerti da 35 Paesi stranieri: "Nell’immediato intaseremmo la situazione, non desideriamo questi aiuti internazionali. Tutto quello che è umananamente possibile fare lo stiamo facendo. Stiamo facendo tutto il possibile per recuperare le persone ancora sotto le macerie - ha aggiunto - Seguiamo col cuore in gola alcune situazioni particolari. E si sta facendo tutto a mano e non con mezzi meccanici, per evitare crolli". Poi una richiesta al ministro dell'Interno, Roberto Maroni, a mobilitare per domattina altri 1.200 vigili del fuoco: "Quelli in azione ora lavoreranno fino a domattina e saranno stanchissimi, in Italia abbiamo 28mila vigili del fuoco, per domattina ne servono 1.200 e io credo che se ne potrebbero mobilitare 12mila per i turni". "Va assolutamente bene, noi siamo operativi dalle 3.40 di questa mattina" ha replicato Maroni.

UPDATE! h. 22.13
Paesi distrutti, edifici crollati, oltre 150 morti, 1.500 feriti, 250 dispersi.
In 100mila sono senza casa. Per gli sfollati sono stati allestiti diversi centri di raccolta e sono stati creati 25 mila posti tra alberghi, attendamenti e ripari di fortuna realizzati grazie alle carrozze con cuccette messe a disposizione da Trenitalia.

UPDATE! h. 18.47
I sei ragazzi sono stati estratti vivi dalle macerie.

UPDATE! h. 18.30
Come riporta Dagospia i morti secondo i soccorritori potrebbero superare i 100 e per Maroni si potrebbe arrivare a 150. Al momento è in atto una violenta grandinata sulla zona.

UPDATE! h. 18.04
Sono stati individuati sei ragazzi vivi sotto le macerie della Casa dello Studente, hanno resistito 15 ore.

UPDATE! h. 17.09
Aperta l'autostrada A25 per le auto. Su Facebook sono stati aperti 500 gruppi di solidarietà. Altri link utili per gli aiuti qui.

UPDATE! h. 16.30
Almeno 100 sono le vittime, non si sa il numero esatto dei dispersi. Catepol ha pubblicato un post con tutti i link per gli aiuti. Registrati alcuni episodi di sciacallaggio.

UPDATE! h. 14.30
92 morti accertati. Milano 2.0 e Torino 2.0 segnalano che le regioni Lombardia e Piemonte sono pronte a mandare gli aiuti; Mysterium, Teledicoio, Ecoalfabeta, Petrolio e Format rilanciano sulla questione delle previsioni di Giuliani; Rush Hour, Reporters, La pulcediVoltaire, Usatv e Olimpiadi manifestano il loro cordoglio. Rugby 1823 racconta del salvataggio delle anziane fatte da alcuni giocatori della squadra L'Aquila Rugby mentre Scheggedivetro continua gli aggiornamenti.
Sempre Rugby 1823 segnala tra le vittime un giocatore di rugby, Lorenzo Sebastiani.

UPDATE! h. 14.00
Aggiornamento sul numero di morti: 70

UPDATE! h. 12.30
I morti sono 50

UPDATE! h. 11.30
Il bilancio sale a 40 morti

L'Abruzzo è in ginocchio dalle 3.30 di questa mattina, quando una forte scossa di terremoto, di magnitudo 6,3 Richter, ha colpito la zona intorno a L'Aquila. La notizia è comparsa immediatamente anche su Twitter (molti gli stranieri con amici e parenti italiani o in Italia che hanno espresso la loro preoccupazione) come riporta anche Mantellini. Alcune testimonianze si possono trovare su OkNotizie (principalmente dal Lazio).

L'epicentro è a 95 chilometri da Roma (la scossa è stata avvertita anche nella capitale e nelle Marche, nella provincia di Ascoli Piceno) e ci sono decine di morti nei paesi. Persino edifici solidi e in cemento armato sono stati lesionati. Danni anche alla Casa dello Studente in via XX Settembre, all'edificio della Prefettura e all'hotel Duca degli Abruzzi. Le scosse di assestamento continuano da ore. Testimonianze anche da ScheggediVetro.

Il capo del Dipartimento della Protezione civile Guido Bertolaso ha parlato di "peggiore tragedia dall'inzio del millennio" (pari a quella dell'Umbria e dell'Irpinia), 27 ad ora (9.10) i morti. Ma il bilancio è destinato a salire di ora in ora perchè si sta ancora scavando, anche con le mani. E' stato dichiarato lo stato d'emergenza. Format segnala che i video dei cittadini colpiti vengono trasmessi da Youreporter.

Una delle situazioni più drammatiche, secondo Adnkronos, sarebbe da segnalare a Onna, dove il 50% delle case è crollato, Roio Poggio e a Paganica. Gli sfollati a l'Aquila e nei paesi vicini per i danni provocati dal terremoto potrebbero arrivare a 45-50mila, gli edifici inagibili potrebbero essere tra i 10 e i 15mila. Si sta allestendo una tendopoli e si stranno trasferendo gli sfollati allo stadio de L'Aquila, visto che è più sicuro. Il blogger di Pollicino ha raccontato la sua testimonianza dato che abita nelle Marche.

La Protezione civile invita a non mettersi in viaggio nella zona colpita dal terremoto per non intralciare i soccorsi, anche se al momento non vengono segnalati problemi particolari a ferrovie e autostrade.

Come segnalano da Autostrade per facilitare le operazioni di soccorso sono chiusi:

- sulla A24 Roma-Teramo il tratto tra Tornimparte e Assergi in entrambe le direzioni

- sulla A25 Torano-Pescara il tratto tra Pratola Peligna-Sulmona e Bussi Popoli verso Pescara

Per i mezzi pesanti, la A24 e la A25 sono chiuse completamente in entrambe le direzioni. Sono in corso controlli alle strutture nei tratti interessati dal sisma.    

La situazione all'ospedale dell'Aquila diventa sempre più drammatica perchè è stato parzialmente evacuato. C'è necessità di sangue e di medici, chiunque sia in quelle zone è invitato a dare una mano.

Cominciano però a esserci polemiche (nonostante il dirigente della Protezione Civile Agostino Miozzo abbia detto che "Allo stato attuale delle conoscenze scientifiche, non era possibile prevedere la scossa che ha colpito oggi l'Italia centrale").

Nelle scorse settimane l'Abruzzo è stato colpito da uno sciame sismico con decine di piccole scosse e qualcuno aveva ipotizzato la possibilità di un evento più consistente. Sembra infatti che negli ultimi giorni di marzo Giampaolo Giuliani, tecnico e ricercatore presso il laboratorio nazionale di fisica del Gran Sasso aveva sostenuto che lo sciame sismico in corso poteva essere il preannuncio di un evento più forte. E' stato denunciato per "procurato allarme". Qui sotto una sua intervista recentissima trovata su Youtube.

 
Anche il blog Reality&Show ha deciso di fermarsi, e PassinelDeserto invita alla preghiera per le vittime.
 
Se abitate in quelle zone inviateci le vostre testimonianze!
  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO