Terremoto in Abruzzo, la terra continua a tremare: rimane la paura, crescono i disagi

terremoto-tende2.jpg

Continua a tremare la terra a l'Aquila. Nella notte sono state quattro le nuove scosse, di cui l'ultima alle 23.14, la più violenta, ha raggiunto magnitudo 4.9. Secondo le rilevazioni dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, è stata la scossa più forte dopo quella distruttiva della notte del 6 aprile (di magnitudo 5.8), e quelle del 7 e del 9 aprile (di magnitudo 5.3 e 5.1). Tanta la paura tra la popolazione

Nel frattempo si tenta di ricominciare, di riprendere la vita normale, di non dimenticare, ma i disagi sono ancora molti. Continua l'emergenza maltempo. Dopo una Pasqua tranquilla dal punto di vista metereologico, vento, freddo e pioggia stanno interessando gran parte dell'area colpita dal sisma. Nelle tendopoli gli uomini della Protezione Civile lavorano ininterrottamente per accelerare le operazioni di completamento delle strutture. Si porta ghiaia per arginare i danni fatti dal fango oltre a coperte e stufe per arginare il freddo. E l'emergenza si fa più forte nei comuni montani, come Campotosto, dove la temperatura è di appena due gradi.

I giorni nelle tendopoli sono senza fine. Tra code per i pasti, file per i bagni e noia giovedì riprenderà l'attività didattica nelle scuole elementari. Ma non si fermano le iniziative di solidarietà (Basketcase, Arte e Salute). Per rispondere alle esigenze degli sfollati da Teramo è partito un team di 10 parrucchieri per far barbe e taglieranno capelli. A strappare qualche commosso sorriso la nascita domenica sera, nel campo di Paganica 3, di un bambino: Maichol.

Senza sosta proseguono i controlli agli edifici colpiti dal sisma da parte della Protezione Civile. Si lavora per consentire ai  cittadini di rientrare nella case dopo un provvedimento di evacuazione da parte del sindaco. Ad oggi sono stati effettuati oltre 1000 sopralluoghi. Tra questi, 805 hanno riguardato gli edifici residenziali, 31 le scuole, 86 gli edifici pubblici e 127 gli edifici per attività produttive. 1 su 3 è stato giudicato inagibile. 

Intanto l'inchiesta, aperta dalla Procura de l'Aquila per accertare eventuali responsabilità penali nei crolli avvenuti, ha mosso i primi passi: un pool di esperti è stato incaricato di effettuare perizie su palazzi pubblici e privati.

Oggi in città è atteso il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, che incontrerà gli sfollati, e il direttore generale dell'Abi, Giuseppe Zadra, per illustrare alla stampa le misure adottate dalle banche per aiutare le famiglie colpite dal terremoto.

Cresce infine la preoccupazione a Sulmona per quanto dichiarato dai geologi, che ipotizzano un sisma devastante nella Valle Peligna entro i prossimi dieci anni.

Mentre in Rete non si placano le polemiche legata alle parole dei blogger Miss Kappa e ByoBlu. Ma non solo. Fa discutere anche la puntata di Annozero di Michele Santoro (Pollicino, Reporters, Teleipnosi, Petrolio). Per seguire la situazione in Abruzzo potete utilizzare la pagina creata da Google o consultare BlogBabel, Blogosfere, OkNotizie, Technorati e Wikio. Oltre ai numerosi gruppi su Facebook e i video su YouTube.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO