Caso AnnoZero, un differente e interessante punto di vista

santtttt.jpg

di don Paolo Padrini

Sulla puntata di giovedì scorso di Annozero si sono dette molte cose. Una puntata falsamente riparatrice, la presenza invisibile di Vauro, gli attacchi al Giornale, la Guzzanti e la sua militanza televisiva, ecc.

Anche di Vauro si sono dette molte cose. Vauro indecente, Vauro scorretto, Vauro, sciacallo, Vauro irrispettoso, ecc.

Ma, tra i miei mille (e personali) pensieri di questi giorni ce ne è uno che vorrei condividere.

Nella Bibbia si parla in diversi testi, di persone che, di mestiere, facevano quello di "tenere gli occhi aperti" sul mondo, sulle contraddizioni dei regimi, dei Re, dei governi.

Di mestiere facevano quello di punzecchiare il Re, mettendogli sotto gli occhi la contraddizione che risiedeva nell' essere "Re in nome di Dio" e servo degli uomini, e - ad esempio - nel conseguire fini personali invece che la "liberazione del povero".

Queste persone "lavoravano" per la corte dei Re di Israele, ma rappresentavano nella laicità del governo, la "spina" del,la presenza "sapiente"di Dio, che per prima cosa chiama a vedere le cose con verità, con cchi aperti, senza ipocrisie nè calunnia.

E soprattutto senza oprrimere il povero e l'indifeso, l'orfano e la vedova.

Queste persone si chiamano profeti. Non persone che predicono il futuro ma uomini che sanno leggere la realtà con gli occhi di Dio....

Con occhi tanto religiosi quanto laici. Con gli occhi del Dio degli uomini, famigliare con noi, vicino al povero, liberatore degli oppressi di tutti i tempi.

Ora....Vauro non è un profeta....e neppure Santoro. Hanno le loro colpe (che nessuno nega).

Ma se c'è una cosa che in uno stato democratico non può mancare, è la possibilità di fare "verità" sulle cose, fornendo letture diverse, e possibilemnete non narcotizzanti. Una verità che non è totale in Annozero, come in nessun'altra trasmissione televisiva (e nel giornalismo)....ma una verità alla quale ci si può ci si deve cercare di avvicinare il più possibile.

L'informazione, attenta, sincera, con gli occhi e le orecchie aperte, io - personalmente - la considero una "preghiera laica", della quale l'uomo non può fare a meno.

[continua a leggere]

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO