Terremoto in Abruzzo, ci vorrà tempo per superare il trauma: i genitori di due paesi non hanno mandato i figli a scuola

teremot19.jpg

Questa mattina è intervenuto persino il ministro Brunetta sul problema delle responsabilità per i crolli in Abruzzo che sono avvenuti in seguito al terribile terremoto che ha colpito la zona de L'Aquila

"C'è l'obbligatorietà dell'azione penale, la quale prevede che la magistratura faccia tutto quello che deve fare per trovare le responsabilità. Magari sarebbe stato opportuno che lo avesse fatto prima e non solo dopo. Ma questo fa parte dell'umana impotenza. Ciascuno deve fare il suo mestiere: il governo deve governare, il presidente del Consiglio deve dare risposte sui finanziamenti e sulla ricostruzione, e la magistratura deve indagare sulle responsabilità"

Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi intanto ha annunciato in un'intervista alla Radio Vaticana che le nuove case arriveranno entro cinque o sei mesi al massimo

"La permanenza in tenda non può prolungarsi troppo"

Anche perchè alla lunga possono verificarsi problemi gravi, come l'allarme igiene scattato all'ospedale da campo dell'Aquila.

Come vi abbiamo già raccontato nei giorni scorsi si cerca di tornare alla normalità ma il cammino, come si può ben immaginare, è molto lungo. Una donna, alla vista della sua casa inagibile ha minacciato il suicidio, ma anche chi la casa ce l'ha ancora in piedi ha paura (foto Corriere).

E hanno paura a ragione, o per lo meno si può comprenderli: era stato detto che tutto era a posto quando le loro case erano state costruite senza rispettare i criteri antisismici. Ci vorrà tempo per superare il trauma.

Si ha così paura che i genitori degli alunni della scuola di piazza Indipendenze a Pratola Peligna hanno tenuto i figli a casa. Anche a Lanciano i genitori non si sono fidati. Però il 51% delle scuole dell'Aquila e provincia è agibile mentre il 27% è agibile con semplici lavori mentre la restante parte è inagibile.

Rimangono gli occhi aperti sulla ricostruzione con l'istituzione di un pool di quattro magistrati che lavorerà in stretto contatto con il Viminale e come spiega Repubblica "avrà l'obiettivo di effettuare analisi preventive e accertamenti per evitare infiltrazioni mafiose negli appalti per la ricostruzione del terremoto che ha colpito l'Abruzzo".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO