La nuova stategia, a pagamento, della Associated Press

di Joshua Evangelista

Ci siamo occupati della nuova strategia dell'Associated Press, far pagare i propri contenuti. Nasce come mossa "anti-Google" ma potrebbe rivelarsi "anti-net", nel senso che comprometterebbe lo spirito di condivisione della rete. E i primi risvolti sono assai bizzarri.

Nel suo blog, Luca De Biase

racconta di qualcuno che ironicamente "ha messo nel sistema le parole di Jefferson contro i monopoli culturali e ha provato a vedere che cosa avrebbe fatto la Ap, scoprendo che l'agenzia era disposta a venedere anche quel brano di pubblico dominio per 12 dollari e rotti". Non solo, c'è stato chi "ha pagato 25 dollari per la licenza di ripubblicazione di un testo che lui stesso aveva scritto per il suo sito".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO