Esodo tra traffico, bollino nero e caro benzina: i consigli per sopravvivere all'ingorgo

traffico2009.jpg

Saranno sedicimilioni gli italiani che si metteranno in viaggio in questo fine settimana d'agosto, l'ultimo di grandi partenze. Pessime le previsioni, alte le probabilità di congestione, autostrade in tilt. Toni rossoneri quindi. Ovvero, spiegano gli addetti ai lavori, venerdì e sabato pomeriggio e la mattina di domenica, sarà bollino rosso mentre sabato mattina dalle 6 alle 14 sarà bollino nero.

Insomma, nonostante le raccomandazioni, i tanti inviti alle partenze intelligenti, scaglionate e graduali, domani, con ogni probabilità, saremo tutti lì: incolonnati. E per di più con l'incubo del caro benzina. Pazienza, ecco cosa ci vuole.

I principali punti critici saranno quelli di sempre: A1 Milano-Napoli nei pressi delle grandi città e all'altezza del nodo di Bologna, la A14 Adriatica fino a Vasto, la A3 Salerno-Reggio Calabria, le autostrade liguri e quelle toscane; l'A22 e la A27 Venezia-Belluno. Mentre i maggiori cantieri aperti, saranno ben sedici, dalla A7 alla A1 (tra Bologna Casalecchio e Sasso Marconi  tra Firenze Nord e Sud), fino alla Salerno Reggio Calabria. Il consiglio degli esperti? Utilizzare - quando si può - percorsi alternativi (consultabili sui siti di autostrade e Anas).

Ma non solo. Fondamentali acqua e thè a bordo, riposo prima di mettersi alla guida, divieto assoluto di alcolici per chi è al volante, rispetto delle norme del Codice della Strada (domani entrano in vigore le nuove, introdotte con la legge n. 84 del 15 luglio 2009), buon senso, velocità controllata, eccetera, eccetera.
Il tutto, con l'augurio di buone vacanze.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO