Influenza A, a novembre vaccino gratuito in Italia

influenzaa-vaccino.jpg

I primi 8,5 milioni di italiani saranno vaccinati da metà novembre, tutti gli altri dalla fine di gennaio. Inizierà così, spiega il ministero del Welfare, la campagna italiana di vaccinazione contro l'influenza A/H1N1.

La cura non sarà venduta in farmacia ma sarà gratuita; inoltre sarà applicata da medici di famiglia, pediatri e medici competenti. Verrà somministrata in due dosi - alla prima iniezione seguirà infatti dopo un mese un richiamo - e conterrà un adiuvante, ossia una sostanza che lo rende più efficace. Ad avere la priorità saranno le persone dai sei mesi in poi, con malattie croniche (a partire da quelle con i sintomi più gravi), le donne in gravidanza e gli operatori del settore sanitario.

A quanto si apprende, nelle prima fase saranno vaccinati gli operatori sanitari e le categorie a rischio: medici di medicina generale, pediatri, personale delle Asl, operatori della Poste e delle telecomunicazioni. Mentre nella seconda - a partire dal 31 gennaio 2010 -  verranno vaccinati bambini e giovani, ovvero tutti i soggetti dai 6 mesi ai 27 anni. L'obiettivo, spiega il ministero del Welfare, è coprire circa il 40% delle popolazione totale.

Nel frattempo il virus dell'influenza continua a correre. L'Italia, al momento, registra casi soprattutto nei viaggiatori. Ma con l'apertura delle scuole e il ripopolarsi delle città, spiega il direttore del dipartimento Malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità, Giovanni Rezza, "Si tornerà a frequentare luoghi sovraffollati: si creeranno le condizioni per amplificare la circolazione del virus". E i giganti dell''industria farmaceutica? Si spartiscono il business GlaxoSmithKline, Sanofi Aventis, Novartis, Astra Zeneca. Mentre Big Pharma si occupa di trovare la cura per chi, l'influenza A/H1N1, l'ha già presa.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO