Scuola, maestro unico e tempo pieno le novità della Gelmini: sui banchi 700mila stranieri

scuola11sett.jpg

Scuola, si parte. Dal maestro unico alle elementari, agli sms per comunicare le assenze ai genitori fino alla pagella digitale, l'anno scolastico 2009/2010 si apre all'insegna delle novità. Cavallo di battaglia della nuova scuola il maestro unico e il tempo pieno per 50mila bimbi in più. Un'offerta formativa che, ha sottolineato soddisfatto il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini, "Allinea l'Italia all'Europa".

"Quest'anno - ha spiegato la Gelmini alla vigilia dell'inizio dell'anno scolastico-, grazie all'introduzione del maestro prevalente e l'abolizione delle copresenze nella scuola primaria 50.000 bambini in più avranno il tempo pieno: 35.000 in prima elementare e gli altri dalla seconda in poi". Insomma, "Il disastro annunciato dalla sinistra - ha concluso - non si è verificato". Ma la polemica non si ferma. E l'opposizione accusa il ministro di dire bugie proprio sui temi chiave della riforma.

Insomma la scuola dell'era Gelmini è iniziata nel caos. A tutto ciò, si aggiungono poi nuovi problemi. Classi, dove gli italiani sono stranieri. A Milano alla scuola elementare Radice, su 96 alunni 93 sono immigrati. Stessa storia a Roma, alla Pisacane dove su 184 bambini solo 6 hanno genitori italiani. Un problema di integrazione sul quale è necessario intervenire. Al più presto.

Soprattutto perchè il numero degli studenti stranieri aumenta di giorno in giorno. La Caritas parla di un incremento di 56 mila studenti stranieri rispetto all'anno passato. E la proiezione per l'anno 2009/2010 prevede una popolazione scolastica di stranieri a quota 700 mila, ovvero il 7 per cento del totale.

La speranza? Che si trovi in fretta una soluzione per una convivenza che rispetti sia gli alunni stranieri che quelli italiani.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO