Pordenone, ragazza marocchina uccisa dal padre perchè innamorata di un occidentale

sanaadafani.jpgUccisa dal padre perchè innamorata di un ragazzo occidentale. E' questa la triste storia di Sanaa Dafani, marocchina, 18 anni, sgozzata ieri sera a Grizzo di Montereale Valcellina da Katawi Dafani, di 45anni.

Una vicenda che ricorda drammaticamente quella di Hina, la ragazza sgozzata nell'agosto 2006 a Sarezzo nel Bresciano dal padre e dai due cognati perchè viveva all'occidentale. Sanaa, infatti, dopo 6 mesi di relazione con Massimo De Biasio, 31 anni, conosciuto nel ristorante in cui lavorava, era andata a vivere con il giovane. Una relazione che il padre non appprovava. Perchè quell'uomo aveva 13 anni in più e soprattutto era cattolico.

El Ketawi Dafani ha atteso la coppia a Grizzo di Montereale Valcellina mentre in auto andava al ristorante dove la ragazza lavorava e di cui il giovane è socio. L'ha bloccata e si è scagliato su Saana. La ragazza è scappata verso un boschetto, ma l'uomo l'ha raggiunta e uccisa con una coltellata alla gola. Il fidanzato, che tentava disperatamente di difenderla, è ferito. Le sue condizioni non sono gravi.

El Ketawi Dafani è stato fermato dai Carabinieri della Compagnia di Sacile (Pordenone) e trasferito in stato di fermo nel carcere di Pordenone. Dove, all'alba, ha rilasciato le prime parziali ammissioni. E' indiziato di omicidio e tentativo di omicidio pluriaggravato.

  • shares
  • Mail
23 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO