Afghanistan, a Kabul kamikaze contro i parà: la rabbia della rete

kabul18sett.jpg

Le vittime, la strage. A Kabul, ieri, hanno perso la vita sei soldati italiani in seguito ad un attentato kamikaze. Una forte esplosione, poi il silenzio, seguito dal caos e dalla disperazione. Sono le 9,30 ora italiana, quando un boato avvolge tutta Kabul, "Un attentatore suicida, a bordo di un'auto imbottita con almeno 150 chili di esplosivo - spiega il ministro La Russa - esce da un parcheggio e si lancia contro il primo mezzo, causando la morte dei cinque militari a bordo".

Le sei vittime italine, a cui si accompagnano 15 afghane e 4 feriti italiani, sono tutti parà di vari reggimenti della Folgore. Il tenente Antonio Fortunato, comandante del convoglio, 35 anni, originario della Basilicata. Era in missione da 4 mesi. Era sposato e aveva un figlio di 7 anni. Il sergente maggiore Roberto Valente, napoletano di 37 anni, aveva appena trasorso 15 giorni di licenza con la moglie e il figlio di due anni. Questa era la sua ultima missione. Gli altri quattro sono tutti primi caporalmaggiori: Matteo Mureddu, 26 anni, di Oristano, che aveva rinviato il matrimonio a giugno per non rinunciare alla missione in Afghanistan; Giandomenico Pistonami, anche lui ventiseienne, di Lubriano (Viterbo), scampato ad un altro attentato lo scorso mese di agosto; Massimiliano Randino, nato a Pagani (Salerno) 32 anni fa, sposato, e pure lui tornato oggi dalla licenza; Davide Ricchiuto, 26 anni, che viveva nel Salento con la sua famiglia.

facebookkabul.jpgDomenica le salme dei caduti rientreranno a Ciampino. Sui corpi sarà eseguita l'autopsia. Poi, forse lunedì, sarà il giorno dei funerali di Stato.

Sconforto, dolore, rabbia. Le reazioni della rete sull'attentato di Kabul, il più grave subito dalle truppe italiane dalla strage di Nassiriya nel 2003, non si sono fatte attendere.

Su Facebook "ONORE AI 6 MILITARI ITALIANI MORTI STAMATTINA A KABUL IN UN ATTENTATO" ha oltre 8mila membri; mentre "ONORE AI MILITARI ITALIANI CADUTI A KABUL", supera i 1000. Molti, poi, i messaggi di cordoglio e i gruppi in memoria dei militari. Moltissimi anche i blog che dedicano uno o più post alla tragedia. "Kabul e il burqa degli occidentali" scrive La Pulce di Voltaire, "I nostri militari morti a Kabul. Pensavamo fossero andati a fare una scampagnata?" chiosa Schegge di Vetro; "CIAO RAGAZZI. Noi adesso non fuggiamo" è il pensiero di Roma2011; "Kabul: tra i militari morti un ragazzo di Solarussa" ricorda Sardegna. Solidale anche il mondo dello sport. Scrive Rugby 1823 "Su tutti i campi un minuto di silenzio per i sei parà uccisi dai terroristi".

Nel frattempo, il mondo della politica si interroga sul futuro della missione italiana.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO