Mario Alessi e le rivelazioni shock di Rudy Guede: Amanda Knox e Raffaele Sollecito sono innocenti

guedeaklessi.jpg

Se Mario Alessi, condannato all'ergastolo per l'omicidio del piccolo Tommaso Onofri, riferisse la verità lo scenario che inchioda Amanda Knox e Raffaele Sollecito sarebbe capovolto. Alessi infatti ha ricevuto le confidenze di Rudy Guede, l'ivoriano coinvolto nell'omicidio di Meredith Kercher, che avrebbe confessato l'estraneità dei due giovani nel delitto di Perugia (leggete Anita Richeldi su Notitia Criminis).

Alessi e Guede sono stati compagni di detenzione nel carcere di Viterbo, nella sezione riservata a chi è accusato di reati a sfondo sessuale. Tuttavia l'alt alle dichiarazioni arriva dallo stesso Guede, che precisa di non avere mai fatto confidenze ad Alessi su Meredith e il coinvolgimento di Sollecito e Knox.

Scrive la Gazzetta del Mezzogiorno:

Guede ha appreso ieri sera dalla televisioni delle rivelazioni di Alessi. I due sono stati detenuti a lungo nella stessa sezione del carcere di Viterbo riservata a chi è accusato di reati a sfondo sessuale. Da qualche tempo sono invece in aree diverse del penitenziario. Agli avvocati Biscotti e Gentile, l’ivoriano è apparso «tranquillo ma infastidito» da quanto sta accadendo. I legali hanno annunciato azioni legali nei confronti di Alessi non appena avere appreso del contenuto del verbale. «E' un tentativo di disperati – ha detto Biscotti – che si aggrappano con altri disperati. Ci sono tra l’altro ore e ore di intercettazioni ambientali dei colloqui tra Rudy e i suoi amici ma mai il nostro assistito accenna al suo processo. Come si può pensare che lo abbia fatto con Alessi?».

Per Francesco Sollecito, padre di Raffaele, le rivelazioni di Alessi potrebbero aprire nuovi scenari: "Servono soprattutto per la famiglia di Meredith Kercher per chiarire definitivamente quanto successo. Ho sempre sostenuto l’innocenza di mio figlio e finalmente la verità sta venendo a galla. Per me Alessi è assolutamente credibile e non siamo stati certo noi a cercarlo".

Tuttavia per Lucia Musti, procuratore aggiunto di Modena e all’epoca del sequestro di Tommaso Onofri pm della Dda Bolognese, non ci sono dubbi: Alessi, che continua nel suo trend di bugie e di trasfigurazione della realtà, sta mentendo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO