Vittorio Feltri giornalista sospeso: per Daniele Capezzone, però, è "il Montanelli dei nostri tempi"

feltridisegno.jpg

Vittorio Feltri è stato sospeso per sei mesi dall'ordine dei giornalisti e la notizia viene commentata anche dai blog. Splendida chiosa quella di Capezzone che si traveste da Giovanna D'Arco del giornalismo di destra (senza offesa per chi vorrebbe una destra rispettosa e coerente) e proclama il direttore de Il Giornale l'Indro Montanelli dei nostri tempi. Follia, ma procediamo.

Andrea Garbin su Pollicino scrive: "Considero gli ordini anacronistici e fonte di privilegi non giustificabili, ciò non toglie che nel caso di Vittorio Feltri una presa di posizione sarebbe stata utile, non so che effetto possa provocare una sospensione temporanea in un personaggio di questo tipo che evidentemente comunque ci tiene al suo ordine, ma fa finta di non capire perchè su un giornale  si possa impedire di scrivere a chi è stato radiato dall'ordine dei giornalisti come Renato Farina.

Su Reporters Joshua Evangelista aggiunge che Feltri era finito sotto procedimento disciplinare per gli articoli sul caso Boffo, per le accuse a Gianfranco Fini, riportati sul suo Giornale, e per aver consentito a Renato Farina di continuare a firmare articoli dopo la sua radiazione dall'albo.

La sanzione è relativa a tutti questi ultimi tre procedimenti. La decisione della sospensione, riportata oggi da Repubblica che non ne ha precisato l'entità, è giunta solo in nottata e, secondo quanto si è appreso, dopo un dibattito assai animato durato circa otto ore e finito con una votazione a stretta maggioranza.

Per saperne di più continuate a leggere su Pollicino e Reporters.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO