Rosarno, segnali di giustizia: 30 arresti, 200 terreni sequestrati e il buon senso italiano

rosarno852.jpg

Rosarno. In molti avranno dimenticato i giorni della rivolta degli immigrati, gli scontri con residenti della zona, gli interventi delle forze dell'ordine, i reportage dei telegiornali che mostravano scene di violenza e ordinaria disperazione.

Ora sui quei fatti la magistratura è arrivata alle prime sommarie conclusioni, intervenendo finalmente sullo scandalo di sfruttamento e soprusi che per anni nessuno ha voluto vedere.

Una manodopera schiavile cui quasi sistematicamente ricorre l'agricoltura nel Sud d'Italia per la raccolta di olive, arance, pomodori. 14-15 ore di lavoro al giorno sui campi, per 20 euro di compenso, rigorosamente in nero, da cui vanno tolte una manciata di euro di "pizzo" dei caporali ed a volte altri euro per il privilegio di poter dormire in una catapecchia con decine di altri "schiavi". E' su questa realtà che finalmente la magistratura italiana sta intervenendo.

Continua a leggere su Sostenibile.  

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO