Albania, Edi Rama lancia un appello all'Italia: si teme la guerra civile

berisha.jpg


Il leader dell'opposizione socialista albanese, Edi Rama, ha lanciato un appello al nostro paese come leggiamo sul Corriere:


"L'Italia e l'Ue non devono accettare in Albania una realtà inaccettabile per il mondo democratico e condannare la violenza di Stato che uccide gente innocente. L'Europa non può accettare che in Albania possano accadere cose che non accetterebbe mai nei suoi Paesi, in base a principi e valori non negoziabili: che la gente muoia perché protesta o che l'opposizione venga definita 'bastarda' dal governo"


Venerdì scorso a Tirana sono state uccise tre persone a colpi di arma da fuoco durante una manifestazione dell'opposizione che poi è degenerata in violenti scontri con le forze dell'ordine.

La tensione nella capitale resta ancora altissima, anche perchè la polizia ha rifiutato di arrestare le Guardie che hanno sparato sulla folla.


Per venerdì l'opposizione ha annunciato una nuova manifestazione e il primo ministro albanese Sali Berisha li ha accusati di voler tentare "un colpo di Stato violento con uno scenario alla tunisina".


La crisi politica albanese ormai dura da un anno e mezzo, come riporta il Corriere, perchè l'opposizione guidata da Rama non ha mai riconosciuto i risultati delle elezioni politiche del giugno 2009.


 


(fonte immagine)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO