Unità D'Italia, il 17 Marzo sarà festa nazionale: la Lega protesta e non vota

tricolore17.jpg


Nonostante le polemiche delle ultime settimane, il Consiglio dei ministri ha deciso che il 17 marzo sarà festa nazionale. Leggiamo su Repubblica che i ministri leghisti Umberto Bossi, Roberto Maroni e Roberto Calderoli non hanno aderito.


Calderoli ha commentato:


"Fare un decreto legge per istituire la festività del 17 marzo, un decreto legge privo di copertura (traslare come copertura gli effetti del 4 di novembre, infatti, rappresenta soltanto un pannicello caldo e non a caso mancava la relazione tecnica obbligatoria prevista dalla legge di contabilità), in un Paese che ha il primo debito pubblico europeo e il terzo a livello mondiale e in più farlo in un momento di crisi economica internazionale è pura follia. Ed è anche incostituzionale"

Il ministro Ignazio La Russa ha commentato sulla vicenda:


"Non c'è nulla di male se nel Cdm, che si è espresso a larga maggioranza, si esprime una diversità di opinione. Ho discusso con Bossi in modo tranquillo e gli ho fatto notare che dove c'è il federalismo lo spirito nazionale è più forte. Credo che le due cose possano andare di pari passo"


E ha aggiunto:


"Sarebbe stato quasi comico che la festa dei lavoratori si festeggiasse stando a casa e invece quella di tutti si festeggiasse andando a lavorare. Non sarà così"


La ricorrenza varrà solo per il 2011, in occasione del 150mo dell'Unità D'Italia.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO