Denuncia choc a Roma: una donna accusa di stupro tre carabinieri e un vigile

carabinieri7mar.jpg


Continua a far discutere la brutta vicenda che ha visti protagonisti tre carabinieri, un vigile urbano e una donna, che ha accusato i quattro di averla stuprata in cella. I tre militari sono stati subito sospesi, mentre il vigile è stato solamente spostato.


La violenza sarebbe avvenuta nella notte fra mercoledì e giovedì: come leggiamo sul Corriere la giovane avrebbe subìto gli abusi, almeno da due militari, mentre il terzo controllava che nessuno entrasse nell'area delle camere di sicurezza.


Marco Miccoli, segretario romano del Pd, alla notizia dello spostamento del vigile, ha fatto sapere:


"La magistratura farà le sue valutazioni ed emetterà le sue sentenze, comunque già ora i comportamenti dei quattro destano molte perplessità e vanno chiariti. Per questo bene ha fatto l'Arma dei carabinieri a sospendere in via cautelativa i tre militari, mentre non ci risulta alcun atto da parte del sindaco Alemanno nei confronti del vigile urbano coinvolto"

Angelo Giuliani, comandante generale della Polizia Municipale capitolina, ha replicato:


"Il Comando generale della Polizia Municipale non intraprende azioni sulla base di un giustizialismo sommario ma attenderà l'esito dell'inchiesta della Procura volta ad accertare fatti che, allo stato attuale delle indagini, non sono chiari. Per onor di cronaca, l'agente rimasto coinvolto nella vicenda del Quadraro era fuori servizio e, quindi, un privato cittadino, ai sensi e per gli effetti dell'articolo 55 del Codice di Procedura penale, tra l'altro all'interno di una struttura piena di agenti di polizia giudiziaria. Lo stesso vigile ha riferito quanto accaduto ai propri superiori che hanno immediatamente trasmesso nota alla Procura della Repubblica. In attesa, quindi, delle determinazioni della Procura seguenti alle indagini, è stata aperta un'inchiesta disciplinare e abbiamo già provveduto ad agire sulle funzioni svolte dallo stesso Agente, rimuovendolo dai servizi a contatto con i cittadini e ponendolo a servizi interni, dato che al massimo potremmo trasferirlo a Ostia o sulla Cassia"


Il vigile, a sua difesa, inizialmente aveva sostenuto di essere gay.


 


(fonte immagine)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO