Maltrattamenti nell'asilo di Casarile, i genitori si costituiranno parte civile

Arrestate due insegnanti e la direttrice dell'asilo nido "Primi Passi" di Casarile, accusate di maltrattamenti e sequestro di persona

asilo_nido.jpg


Dopo l'arresto della direttrice dell'asilo nido "Primi passi" di Casarile e di una seconda educatrice (ora agli arresti domiciliari) inizia la seconda fase dell'inchiesta che ha rivelato i maltrattamenti e le violenze che venivano perpetrate nella struttura.


Riporta Repubblica che tra i genitori che si sono recati dai carabinieri è nata l'idea di costituirsi parte civile in un eventuale processo a carico delle due insegnanti. In questo modo le famiglie saranno presenti in maniera attiva nel dibattimento e, nel caso, potranno ottenere il risarcimento di eventuali danni accertati.


Intanto, come leggiamo sul quotidiano, si svolgeranno gli interrogatori delle insegnanti:


"In ospedale, al reparto di psichiatria del San Matteo di Pavia, dov'è ricoverata, si terrà quello Elena P., l'educatrice di 34 anni che sabato aveva tentato il suicidio. La sua responsabile, la direttrice Roberta Bonizzoni, 33 anni, verrà sentita invece in procura a Pavia"

Per loro, oltre all'accusa di maltrattamenti, c'è anche quella di sequestro di persona perchè avrebbero chiuso i bambini in locali bui all'interno del loro asilo. Tutti gli episodi sono stati documentati da audio e video. Le immagini mostrerebbero


"schiaffi, urla, strattonamenti, bambini isolati dagli altri che si lasciano andare a pianti disperati"


La Procura richiederà per le due donne un processo con rito immediato.


(fonte immagine)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO