Omicidio Melania Rea: tre persone 'attenzionate', ma ancora nessun indagato

Nessuna novità sul caso di Melania Rea, la donna scomparsa la scorsa settimana ad Ascoli Piceno e ritrovata morta due giorni dopo.

reamel.jpg Secondo gli inquirenti Melania Rea, la donna scomparsa la scorsa settimana ad Ascoli Piceno e ritrovata morta dopo due giorni, non aveva una doppia vita.


Leggiamo su TgCom che al momento ci sarebbero tre persone "attenzionate" in tre ambiti diversi, ma non ci sono al momento iscritti nel registro degli indagati.


IlRestodelCarlino riporta l'appello che il padre di Melania ha lanciato lunedì scorso ai microfoni del Tg1:


"Se qualcuno sa, se qualcuno ha visto, se qualcuno ha un minimo sospetto, ci sono gli inquirenti che aspettano qualche telefonata di un volenteroso, di qualcuno che sa. Una bambina di 18 mesi non dirà più mamma, perchè gliel'hanno tolta. E io vorrei guardarla in faccia questa persona che lo ha fatto e chiedergli: come fai a guardarti allo specchio, quando hai tolto a una bimba di 18 mesi la mamma?"

Starebbero però emergendo importanti elementi dall'esame dei tabulati telefonici: il marito della vittima, Salvatore Parolisi, alle 15.20 aveva fatto una telefonata alla moglie dal suo cellulare per rintracciarla dopo che lei si era allontanata.


Il telefono della moglie ha agganciato la chiamata da un cella di Ripe di Civitella, 600 metri più in alto, a 10 chilometri di distanza verso sud, oltre il confine marchigiano (che si trova a Colle S.Giacomo, sempre sulla Montagna dei Fiori). Melania, che non ha risposto alla chiamata, forse si trovava già sul luogo dove sarebbe stata trovata qualche giorno dopo.


 


(fonte immagine)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO