Norvegia attentato, dopo la strage Oslo ricorda le vittime: la folla vuole linciare Breivik

Si indaga sui possibili complici dell'attentatore di Oslo, che ha ucciso 76 persone.

oslokill.jpg


Hanno tentato di linciarlo. La folla che attendeva il passaggio dell'auto, con all'interno Anders Breivik, voleva farsi giustizia contro colui che ha ucciso 76 persone innocenti.


Oggi a Oslo, come leggiamo sul Corriere, si è celebrata la prima udienza del processo a suo carico (che non è stata a porte aperte): il giudice Kim Heger ha confermato l'arresto e ha disposto fino a otto settimane di custodia preventiva.


L'accusa nei suoi confronti, insieme agli omicidi, è quella di atti terroristici: per questi reati però Breivik rischia non più di 21 anni, pena massima prevista dal codice penale norvegese.


In aula il 32enne autore delle stragi ha ammesso le sue responsabilità ma si è dichiarato 'non colpevole': dal suo punto di vista la strage era "necessaria" e la Norvegia e l'Europa occidentale dovevano essere salvate dal "marxismo culturale".

Intanto sono ancora in corso accertamenti per verificare se alle sue spalle ci sia qualche forma di organizzazione, anche perchè Breivik ha parlato dell'esistenza di altre "due cellule".


Qui sotto trovate il suo 'manifesto', pubblicato su Youtube.


  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO