Calcio e guerra: arrestato il portiere della Siria Mosaab Balhous, si teme per la sua vita

E' accusato di aver sostenuto le bande armate e di essere in possesso di denaro sospetto. Aveva partecipato alle proteste contro il regime di al Assad.

mosaab-balhous.jpg


Le forze di sicurezza siriane hanno arrestato Mosaab Balhous, portiere della Siria di calcio dal 2006 e titolare del club al Karamah (tradotto significa 'Dignità'). Lo ha riferito la tv satellitare Al Arabiya.


Secondo l'accusa, Mosaab darebbe rifugio a "gruppi armati". Poche ore dopo la notizia del suo fermo, attivisti della democrazia siriana hanno aperto una pagina su Facebook chiedendo libertà per il portiere e capitano. Da allora, sono moltissimi i messaggi di fan che chiedono la sua liberazione immediata.

Mosaab è accusato anche di sostegno alle bande armate e di nascondere denaro sospetto. In particolare, il numero uno della Siria avrebbe partecipato ai moti di piazza contro il regime, appoggiando la nascita di un nuovo emirato islamico.


Subito dopo gli scontri di piazza, il presidente della Siria, al Assad, aveva accusato Mosaab, preannunciando in pratica l'arresto. Il nazionale Under 23 Abd Al Abasit Sarut, anch'egli portiere, in un video caricato sul portale di Youtube ha affermato di temere per la vita del collega calciatore. Secondo Sarut, infatti, l'esercito governativo potrebbe anche uccidere Balhous.


Mosaab Balhous ha 27 anni e quasi 100 presenze con la Nazionale. Con il suo club aveva recentemente raggiunto pure la finale della Champions League asiatica, poi persa.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO