Gioco erotico, ragazza muore soffocata a Roma: arresti domiciliari per Soter Mulè

Soter Mulè sarà condotto agli arresti domiciliari per omicidio colposo.

Shibari.jpg


Il gip del tribunale di Roma ha convalidato l'arresto di Soter Mulè, l'ingegnere di 42 anni indagato nell'ambito dell'inchiesta sulla morte di Paola C., avvenuta in seguito ad un gioco erotico finito male.


L'uomo resterà agli arresti domiciliari e l'accusa è passata da omicidio preterintenzionale a colposo, perchè pare che sia la ragazza che l'amica fossero consenzienti. Non era la prima volta che i tre si incontravano.


"È stato un incidente, è stato un incidente, una disgrazia", ha ripetuto più volte l'ingegnere, che ha spiegato agli inquirenti, come leggiamo sul Corriere, "che la pratica sessuale che stavano praticando non era quella di provocare il piacere attraverso il soffocamento ma solo attraverso il 'bondage', il rimanere legati e in sospensione. Il fatto avvenuto è stato una fatalità".

Stefano Laforgia, maestro di bondage e proprietario del negozio "L'Alcova", ha dichiarato in un'intervista a Repubblica:


"Li vedeva mai tutti e tre insieme?
«Certo, soprattutto negli ultimi tempi li vedevo spesso insieme. Uscivano per bere una birra, per vedere un concerto, insomma erano amici. Si trovavano bene, ma non sapevo che tra di loro praticassero... «.

Praticassero il bondage?
«No, attenzione. Quello non è bondage. Si chiama "Breath play" ovvero il gioco del respiro».

Qual è la differenza con il bondage?
«Vede il bondage non prevede il soffocamento, mentre il breath play consiste proprio nello strangolamento che dà piacere, euforia».

È un gioco piuttosto pericoloso...
«È la pratica sessuale più pericolosa. Basti pensare che nel mondo, ogni anno, muoiono circa un migliaio di persone. È così che è morto David Carradine (attore americano e artista marziale che ha girato Kill Bill vol. 1 e 2 di Quentin Tarantino ndr)».

E così è morta anche Paola.
«Certo e questo mi addolora moltissimo. Non erano però persone pericolose. Cioè non si erano incontrati per caso, erano amici, si conoscevano. E purtroppo hanno fatto un errore di valutazione tutti e tre. Bisogna avere molto accortezze quando ci si cimenta in esperienze estreme»"


Intanto nel paese di origine di Paola, Guagnano (provincia di Lecce) il sindaco, Fernando Leone, ha deciso che nel giorno in cui tornerà a casa la salma della 23enne verrà proclamato il lutto cittadino.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO