Naufragio Costa Concordia, Foschi: "Errore umano, siamo parte lesa"

Nella conferenza stampa indetta da Costa Crociere dopo la tragedia del Giglio, Pier Luigi Foschi, presidente e ad della società, ha preso le distanze dall'operato del Capitano Schettino.

costaconcordia_conferenza.jpg


A due giorni di distanza dalla tragedia occorsa alla nave da crociera Costa Concordia, che ha raggiunto un bilancio di 6 morti e 16 dispersi, Costa Crociere ha indetto una conferenza stampa ufficiale. (Foto Infophoto)

Un commosso Pier Luigi Foschi, presidente e amministratore delegato della Costa Crociere, ha esordito:


"Siamo di fronte ad una tragedia di proporzioni enormi. Porgiamo le condoglianze alle famiglie delle vittime sinora accertate. Mille persone del nostro gruppo stanno lavorando per fornire agli ospiti e all'equipaggio, in particolare dei Paesi lontani. Stiamo attraversando questa fase di emergenza".


Sulla questione delle responsabilità del Capitano Francesco Schettino, Foschi ha puntualizzato:


"Il comandante Schettino lavorava con noi dal 2006, certificato per la sua professionalità e con tutti i dovuti addestramenti per mantenere alto il livello della sicurezza. La sua idoneità per comandare una nave da crociera è attestata dai documenti della sua formazione. L'azienda gli sarà vicino, ma abbiamo anche il dovere di riconoscere i fatti e tutelare gli oltre 24 mila dipendenti del gruppo. Non possiamo negare un errore umano che si è identificato con questo tragico incidente. Anche le procedure adottate a seguito dell'urto contro lo scoglio non hanno rispettato le rigide disposizioni, scritte e verbali, note ai nostri comandanti e ufficiali".


Pare che il comandante Francesco Schettino - come riporta Silvio De Rossi su Cronaca e Attualità - sia voluto passare molto vicino all'Isola del Giglio per il classico "inchino". Così si definisce l'omaggio a uno dei componenti dell'equipaggio. In questo caso era in onore del capo maitre Antonello Tievoli, oltre che un omaggio a Mario Palombo: una leggenda tra i comandanti della Costa crociere.


Ora Schettino è stato fermato con l'accusa di omicidio colposo plurimo, disastro e abbandono della nave. Ma sono tantissimi i punti interrogativi legati a questa tremenda tragedia. Perché hanno atteso così a lungo prima di far evacuare la nave? Schettino voleva davvero distruggere la scatola nera? Perché Schettino mentiva parlando di "un blackout" ai carabinieri? Presto avremo delle risposte.


LINK UTILI:


Naufragio Costa Concordia: la tragedia vista da Twitter.


Naufragio Costa Concordia: gli aggiornamenti su Facebook.


Naufragio Costa Crociere: pubblicità "Vinci una crociera" su Il Gazzettino, è polemica su Facebook.


Naufragio Costa Concordia, il racconto di Mara Parmegiani: "E' stato il panico".


Naufragio Costa Crociere: le testimonianze dei calabresi a bordo.


Naufragio Costa Crociere: una tragedia 100 anni dopo il Titanic.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO