Previsioni meteo: vento siberiano e temperature record, ecco cosa succede in Italia

Dopo la neve, prevista già per oggi, temperature rigidissime. Domenica a Torino previsti -15, a Milano -10. Molte le vittime nell'Est europeo per il gelo.

neve2.jpg


Copriamoci, arriva il buran, il famigerato vento della steppa siberiana. Investirà tutta l'Italia, da Nord a Sud. Porterà gelo come non si vedeva dagli Anni '50 e neve capace anche di oscurare la vista per quanto è fitta. Già oggi sul Nord Italia, pure in pianura, inizieranno le precipitazioni nevose. Sospinte dall'anticiclone russo.


I più anziani ricordano l'ondata di freddo del 1956, quelli che iniziano ad avere i capelli grigi le eccezionali nevicate dell'inverno 1985. Il colonnello Mario Giuliacci, meteorologo che ha appena aperto un sito internet, avverte: "Non arriveremo a quei record, ma ci andremo molto vicino".

In buona parte dell'Europa dell'est l'anticiclone russo-siberiano ha già fatto battere i denti. In Russia, più precisamente in Carelia, il termometro ha toccato i -37 gradi. La città di Arcangelo è scesa a -30. A Minsk ieri si sono toccati i -23, a San Pietroburgo i -22, a Bucarest i -20.


Purtroppo, il Generale inverno porta con sè anche la morte. In Ucraina sono già decedute 18 persone, in Polonia 10. In Serbia si contano tre morti, cinque in Bulgaria, una vittima anche in Repubblica Ceca e in Lituania. Le autorità ucraine hanno fatto sapere che negli ultimi tre giorni almeno 500 persone sono state ricoverate per sintomi da congelamento e ipotermia. Altre 17mila hanno trovato riparo nei 1.500 rifugi aperti nel Paese. Durante il giorno, le temperature non sono salite oltre i -16, di notte -23. In Polonia, all'improvviso, la colonnina di mercurio ha toccato i -26. In Romania siamo a -27 e sei persone morte nelle ultime 24 ore. In Turchia, a Istanbul, sono stati cancellati 200 voli per le abbondanti nevicate.


E in Italia? Tra domani e dopodomani la neve arriverà in tutta l'Emilia Romagna, ma tutto il Centro verrà toccato, tranne le regioni tirreniche. Dal 3 al 5 nevicate ininterrotte su Marche, Abruzzo, Molise e Lucania. Quindi toccherà a Puglia, Calabria e Sicilia (dal 6 all'8 febbraio). Al Nord, dopo la neve, saranno le gelate a farla da padrone, con temperature che anche di giorno non saliranno sopra allo zero. Di notte, tra il 4 e il 6 febbraio, in Piemonte si toccheranno -5 -8 gradi. Ma in certe località anche -15. A Torino, per domenica sono previsti -16 gradi. A Bologna -14, a Milano e Venezia -10, a Genova -7. Da rabbrividire.


Al Centro, tra il 5 e il 7 ci sarà il culmine del gelo. Domenica a Roma sono previsti -4 gradi. Autostrade per l'Italia si prepara al peggioramento del tempo con 2mila mezzi. Genova ha predisposto la chiusura anticipata delle scuole, alle 14. Posti letto e ricoveri per i senza tetto nelle grandi città, come Torino, Milano e Firenze. Infine, da segnalare l'allarme del Codacons per lastre di ghiaccio a causa dei Comuni che non spargono sale e non spalano la neve.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO