No Tav Val di Susa: diramato un nuovo bollettino medico, Luca Abbà è fuori pericolo

Dopo quasi una settimana in ospedale l'attivista No Tav è stato dichiarato fuori pericolo dai medici. Intanto a Roma il governo si sta muovendo per cercare di mettere fine alle proteste.

notavinfophoto2mar.jpg


Luca Abbà, l'attivista No Tav rimasto folgorato lunedì su un traliccio dell'alta tensione sul quale si era arrampicato, è stato dichiarato fuori pericolo.

Il direttore della rianimazione dell'ospedale Cto di Torino dove Abbà è ricoverato, Maurizio Berardino, ha fatto sapere come leggiamo sul Corriere che Luca "è stato sottoposto a un intervento di chirurgia plastica muscolare al fine di ridurre le conseguenze della scarica elettrica. Il quadro generale ha confermato la tendenza al miglioramento della funzione renale e respiratoria. Poi il militante No Tav ha subito una seconda operazione, una 'fasciotomia esplorativa' effettuata dai medici del gruppo di chirurgia plastica per grandi ustionati dell'ospedale, diretto da Maurizio Stella. E anche questo intervento è riuscito. Secondo quanto riferito da Berardino, vi potranno essere problemi motori almeno all'inizio e il lavoro sui nervi comincerà a partire dal secondo o terzo mese dall'incidente".

Intanto il premier Monti ha convocato una riunione a Palazzo Chigi con il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri, il ministro dello Sviluppo economico e Trasporti Corrado Passera, quello dell'Ambiente Corrado Clini e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Antonio Catricalà e il commissario straordinario di governo Mario Virano.


Cancellieri ha spiegato:

"La Tav è un'opera fondamentale e non ci sono margini: l'opera è di valore fondamentale per il Paese, e non solo per il Piemonte e fa parte di impegni presi con il l'Europa. Non ci sono spazi. Ci sono stati incontri con la popolazione e fatte importanti modifiche al progetto: siamo ad un punto di non ritorno"

Questa invece la posizione di Clini:

"Ad un certo punto bisogna prendere una decisione. È chiaro che i valsusini la Tav non la vogliono. Ma le problematiche sollevate dal punto di vista ambientale sono state tutte ampiamente esaminate. Il governo è stato chiaro, sì al rigore nel rispetto delle norme ambientali ma bisogna anche fare le infrastrutture che servono"


Questa mattina ci sono state nuove proteste, con treni e stazioni bloccate, strade occupate, invasioni di uffici e sedi di partito insieme a decine di presidi, assemblee e cortei.


(fonte immagine infophoto)


LINK UTILI


Scontri NoTAV: è una faccenda privata, statene fuori


No Tav manifestazione: sabato 25 febbraio un nuovo corteo, tutte le informazioni.


Scontri Tav Val di Susa: arresti in tutta Italia, corteo a Torino sabato 28 gennaio. Parla Perino


No Tav, scontri e manganelli: dubbi sulla resistenza dei cittadini e degli italiani.


No Tav Val di Susa: dopo gli scontri torna la calma a Chiomonte.


Tav: scontri manifestanti-forze dell'ordine in Val di Susa al cantiere di Chiomonte.


No Tav, sciolto il presidio contro la Torino-Lione: pesanti scontri tra manifestanti e polizia.


Scontri Tav Val di Susa: conferenza stampa del movimento da Vaie, #notav Trending Topic su Twitter.


Manifestazione No Tav 23 ottobre: ne parla anche Report. Video.


Manifestazione No Tav 23 ottobre: "disobbedienza civile" per i manifestanti, in Valle quasi 2000 agenti.


Scontri Tav Val di Susa: operazione lampo della polizia, 26 arresti.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO