Maricica Hahaianu morte: Alessio Burtone condannato a 9 anni, annunciato il ricorso in appello

L'accusa aveva richiesto per il giovane 20 anni di reclusione. Annunciato il ricorso in appello.

maricica.jpg


E' stata pronunciata la sentenza di primo grado per l'uomo che colpì con un pugno l'infermiera Maricica Hahaianu nella stazione della metropolitana della linea A di Anagnina a Roma.

Alessio Burtone è stato condannato a 9 anni di reclusione dalla prima Corte d'Assise, ma sia i legali della difesa che l'accusa hanno già annunciato un ricorso in appello.


Leggiamo su Repubblica che Burtone è stato condannato per omicidio preterintenzionale, con l'esclusione delle aggravanti (aver ucciso per futili motivi). Sono state concesse all'imputato le attenuanti generiche.


E' stato disposto un risarcimento di 50mila euro al marito della donna, 50mila al figlio, 30mila al fratello e 6mila al Comune di Roma, che si era costituito parte civile al processo.


Il legale di Burtone ha dichiarato:


"Il mio assistito, Alessio Burtone, non voleva uccidere e questo lo hanno capito tutti nel processo. La corte non ha avuto il coraggio di riconoscere il reato di lesioni gravi"


L'avvocato ha fatto anche riferimento al caso di Doina Matei, la romena che ha causato la morte di una giovane colpendola con la punta di un ombrello:


"Quella storia è tutta diversa rispetto ai fatti del processo che si è concluso oggi in primo grado"


(fonte immagine)


LINK UTILI


Cronaca Roma: nove anni ad Alessio Burtone per la morte di Maricica Hahaianu.


Maricica Hahaianu: è omicidio preterintenzionale, Alessio Burtone è l'unico colpevole.


Delitto con l'ombrello in metrò: c'è chi difende l'assassina.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO