Libri estate 2012: "Il depistaggio", di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza - Chiarelettere

I nostri suggerimenti per le letture estive: in vacanza senza dimenticare l'attualità e la cronaca.

librocro3.jpg


Sono ancora molti i punti oscuri della Strage di via D'Amelio, in cui morirono il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della scorta.

Ecco la scheda del libro "Il depistaggio" e qualche nota sui due autori.


Vent'anni fa la strage di via D'Amelio. Morivano il magistrato Paolo Borsellino e gli agenti Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Era il 19 luglio 1992, cinquantasette giorni dopo la strage di Capaci. Il depistaggio parte da quella estate per raccontare le false piste, i processi falsati azzerati dalle rivelazioni del pentito Gaspare Spatuzza e le nuove indagini che cercano di ricostruire la trattativa fra Stato e mafia. Alla ricerca della verità sulle stragi, sui mandanti e su chi si è mosso nell'ombra della stagione del terrorismo mafioso. Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza propongono un racconto tratto dai loro libri inchiesta, L'Agenda Rossa e L'Agenda Nera, facendo il punto su indagini e sviluppi a vent'anni di distanza dalla strage di via D'Amelio.

Giuseppe Lo Bianco, cronista giudiziario da oltre venticinque anni a Palermo, ha lavorato al «Giornale di Sicilia» e a «L'Ora» negli anni della guerra di mafia, dal blitz del settembre 1984 dopo le dichiarazioni di Buscetta, che originò il primo maxiprocesso alle cosche, ai misteri delle stragi mafiose, ai processi Andreotti e Contrada. È convinto che sia riduttivo continuare a definire mafia un sistema democraticamente rappresentato, che costituisce la prima, autentica, emergenza del paese. Oggi collabora con «il Fatto Quotidiano» e con «MicroMega». Corrispondente de «L'espresso» dalla Sicilia, ha scritto con Franco Viviano La strage degli eroi (Edizioni Arbor 1996). Con Sandra Rizza, Rita Borsellino. La sfida siciliana (Editori Riuniti 2006), Il gioco grande. Ipotesi su Provenzano (Editori Riuniti 2006), L'agenda rossa di Paolo Borsellino (Chiarelettere 2007), Profondo nero (Chiarelettere 2009) e L'agenda nera (Chiarelettere, 2010).

Sandra Rizza, per un decennio cronista giudiziaria all'Ansa di Palermo, ha imparato il mestiere negli stanzoni de «L'Ora» di Palermo, negli anni caldi della guerra di mafia, passando presto dalle cronache di ordinaria marginalità sociale alla cronaca nera e giudiziaria. Ha collaborato con «il manifesto» seguendo le udienze del maxiprocesso, e firmando servizi di approfondimento sul tema del garantismo, sul pentitismo e sugli aspetti «sociologici» del fenomeno mafia, a partire dal ruolo delle donne all'interno dei clan. Ha collaborato con «La Stampa», ed è stata corrispondente dalla Sicilia del settimanale «Panorama» negli anni delle stragi 1992-93. Oggi collabora con «MicroMega» e scrive su «il Fatto Quotidiano». Ha scritto Rita Atria. Una ragazza contro la mafia (edizioni La Luna, 1993). Con Lo Bianco ha scritto Rita Borsellino. La sfida siciliana (Editori Riuniti 2006), Il gioco grande. Ipotesi su Provenzano (Editori Riuniti 2006), L'agenda rossa di Paolo Borsellino (Chiarelettere 2007), Profondo nero (Chiarelettere 2009) e L'agenda nera (Chiarelettere, 2010).


LINK UTILI


Libri estate 2012: consigli per vivere l'astrologia in modo attivo.


Libri estate 2012: "Gli uomini sono come il cioccolato" di Grube Tina.


Libri estate 2012: "9 notti a Parigi" di Giorgio Pirazzini.


Libri estate 2012: "Per una manciata di libri".


Libri estate 2012: "Lezioni di lunga vita - le zone blu".


Libri Estate 2012: "Marilyn Monroe La donna più bella del mondo".


Libri estate 2012: "Sul mio corpo" di Sonia Rottichieri.


Libri energia: esce l'ultimo Kunstler, e parla di magia.


Letture sotto l'ombrellone: "Spiriti bollenti" di Raethia Corsini.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO