Sallusti condannato: in Italia si può finire in galera per un'idea

Dopo il governo non eletto dal popolo ora abbiamo il giornalista in galera per un reato d'opinione. La nuova Italia che piace tanto ai progressisti continua a mietere vittime sul lastricato delle libertà

IlGiornaleSallusti.jpg C'è veramente poco da dire dopo la sentenza della Corte di Cassazione, che ha condannato a 14 mesi di reclusione Alessandro Sallusti, direttore de 'Il Giornale', ritenendolo 'colpevole' di diffamazione. Ho avuto, fra l'altro, il piacere di incontrare Sallusti proprio questo mercoledì, un paio d'ore prima della sentenza.

E' stato cordialissimo, e devo dire che tutto mi pareva fuorché agitato. Uno strano silenzio pervadeva invece la redazione, una sorta di 'cupa angoscia', come lo stesso direttore de 'Il Giornale' ha definito il clima vissuto in queste ore all'interno del suo quotidiano. Abbiamo parlato meno di cinque minuti, e anzi, mi ritengo fortunato, perché, parole della sua stessa segretaria, Sallusti questo mercoledì aveva deciso di barricarsi nel suo ufficio.


Le toghe, insomma, colpiscono ancora. Questa è la prima frase che, a pelle, mi viene da dire. Senza creare cosi che, comunque, andrebbero creati, perché Sallusti, se finirà in galera, ma a quanto pare non intende avvalersi né dei domiciliari né dei servizi sociali, verrà incarcerato per avere espresso il proprio pensiero. Né più né meno come facciamo noi qui, su questo pubblico blog.


E allora mi chiedo cosa cambi fra noi di Blogosfere, me personalmente e Alessandro Sallusti, a parte, probabilmente, il conto in banca. Colpendo Sallusti si colpisce di sicuro una voce, un modo di fare giornalismo fuori dal coro, che sicuramente può dare fastidio, e ci mancherebbe altro che non fosse così. E' anche per questo, ma non solo per questo, che, oltre a dare la piena solidarietà al collega, grido ad alta voce 'ANCH'IO SONO SALLUSTI'. E lo siete anche voi che leggete, ogniqualvolta provate a pensare con la vostra testa perché siete convinti che in un mondo democratico e moderno, sia attraverso la forza delle idee e del confronto che il mondo può andare avanti.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO