Regione Lombardia arresti: le opposizioni chiedono le elezioni, il Pdl non molla

Il caso Zambetti la fa da padrone della cronaca di queste ultime ore: accusa di voto di scambio, l'ormai ex assessore alla Casa della giunta di Roberto Formigoni è stato arrestato. Ma non è il solo a essere finito in manette

zambettislogan349.jpg Voto di scambio, ma non solo, anche favori verso le cosche della 'ndrangheta nell'ottenimento degli appalti pubblici in vista di Expo 2015. Queste le accuse nei confronti di Domenico Zambetti, assessore alla Casa di Regione Lombardia, arrestato mercoledì mattina. E nella vicenda compare anche il nome di Sara Giudice, che nel 2010 lasciò il Pdl per protesta contro la candidatura di Nicole Minetti: secondo il Gip infatti, nel 2011 ci sarebbe stata una raccolta coercitiva da parte della 'ndrangheta di voti di preferenza alle Comunali di Milano a suo favore, voti poi comuneu non sufficienti per eleggerla.

La Regione Lombardia insomma è nel caos dopo l'arresto di Zambetti, assessore regionale alla Casa, accusato di voto di scambio. Avrebbe pagato 200mila euro alla 'ndrangheta. per acquistare un pacchetto di 4000 preferenze. Con lui altre 19 persone sono state arrestate. Zambetti, nato a Bari nel 1952, a Milano dal 1973, ha ricoperto nella sua carriera un po' tutti gli incarichi della politica locale lombarda.


Immediata la reazione delle opposizioni, che adesso chiedono dimissioni e immediate elezioni. Arianna Cavicchioli, del Pd, sottolinea: "Noi chiediamo che Roberto Formigoni si dimetta, per quanto riguarda le opposizioni noi abbiamo già deciso di dimetterci, abbiamo già depositato le firme, noi vogliamo che la Lombardia abbia una guida serena, che sia capace di affrontare i temi che sono temi importantissimi per questa Regione". Chiara Cremonesi, di Sel, ribadisce: "Si tratta di un sistema di potere che è sotto accusa, e pensiamo che bisogna ridare al più presto la parola ai lombardi con delle elezioni, da fare secondo noi in dicembre come nel Lazio".


Immediato il sollevamento di Zambetti dal proprio assessorato: da lui il presidente della Regione, Roberto Formigoni, dice di sentirsi tradito. E così, se da una parte il Pdl decide di non mollare, dall'altra, solamente una riunione fiume deciderà l'atteggiamento della Lega Nord. Il leghista Andrea Gibelli, vicepresidente della Regione Lombardia, puntualizza: "I fatti imputati a Zambetti sono gravissimi, la Lega Nord è nata per combatere la 'ndrangheta, la mafia, lo ha fatto con forza quando aveva il suo ministro dell'Interno, è una valutazione che merita un approfondimento serio". Infine il Pdl ha parlato per bocca di Roberto Alboni: "Io dico che tutti coloro che non si riconoscono con chi commette errori o gesti come questo, sono quelli invece che devono dar vita a un riscatto, devono dar vita e dar voce a tutto quello che Regione Lombardia ha fatto di buono negli anni, ed è tantissimo".


LINK UTILI


'Ndrangheta: lezioni antimafia dalla Calabria per Milano.


'Ndrangheta, terremoto in Lombardia: dall'arresto di Zambetti alle perquisizioni contro le cosche.


Domenico Zambetti arrestato: Ilda Boccassini e la 'zona grigia', la 'ndrangheta in Lombardia.


Pirellone, Domenico Zambetti arrestato: «Pagava i voti alla 'ndrangheta».


Domenico Zambetti arrestato: l'assessore è accusato di aver comprato 4000 voti dalla 'ndrangheta.


Regione Lombardia arresti: l'assessore Zambetti pagò voti delle cosche.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO