Sesto San Giovanni, condominio 'contro' disabile: a Natale non si è tutti più buoni

Il montascale della discordia: storie di disabilità e rapporti condominiali.

viacavoursesto.jpg


A Sesto San Giovanni, alle porte di Milano, un intero condominio sta lottando da mesi contro un servoscala, uno di quei meccanismi che permettono ad una persona in carrozzina di salire e scendere le scale. Non lo vogliono i residenti, perchè "antiestetico".

La legge fortunatamente ne impedisce la rimozione, ma nel corso dell'ultima assemblea il condominio ha votato all'unanimità di installare un contatore elettrico per "quantificare il consumo effettivo del montascale". In questo modo la bolletta dovrà pagarla l'unica famiglia che utilizza il dispositivo.


Ovvero quella del signor Piero Pennati, un uomo di 85 anni, assistito dalla moglie Fabrizia, 72 anni, e dai due figli, Enrico e Pierluigi. Pennati ogni settimana per tre volte viene portato in ospedale per fare la dialisi. 


Come riporta Repubblica l'amministratore dello stabile, Salvatore Bomparola e i residenti hanno deciso di non commentare la vicenda. Ma il problema resta. 


La signora Fabrizia spiega infatti che "il suo utilizzo costerà sì e no quattro euro al mese, ma quei soldi non li tireremo fuori. È una spesa condominiale e va divisa come tutte le altre. Abbiamo già pagato un avvocato per bloccare la rimozione, piuttosto spendo altri soldi perché questa sta diventando una battaglia di principio".


Possibile che il montascale dia così fastidio? Cosa rispondono i residenti?


Restiamo aperti ad eventuali repliche, perchè vorremmo davvero capire se l'estetica di un condominio può passare avanti all'umanità.


(fonte immagine)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO