2012: gli ex Wagon Lits hanno davvero vinto? Parte prima

Poco più di 1 anno fa, vennero licenziati 150 Wagon Lits e soppressi i treni notturni. Cominciò una lunga lotta 'democratica' al Binario 21 della Stazione Centrale di Milano. I treni notte sono ripristinati ma 12 Wagon Lits sono ancora disoccupati.

Immagine di anteprima per Binario 21 - Torre Faro.jpg


Il 9 dicembre 2011, 3 ex Wagon Lits occupano la Torre Faro del Binario 21 della Stazione Centrale di Milano per protestare contro la soppressione dei treni notte e il licenziamento di 150 lavoratori. In 5, a rotazione, resteranno lassù fino a giugno 2012, quando verranno ripristinati i treni notte. A sostenerli, oltre a cospicue compagini della società civile, i loro compagni che si sono accampati, giorno e notte, su una piattaforma sotto la Torre. Dei 150 ex Wagon Lits, dopo un anno abbondante, 12 sono ancora a spasso. Hanno veramente vinto?

I primi a salire sulla Torre Faro furono Carmine Rotatore, Giuseppe Gison e Oliveiro Cassini, all'indomani del licenziamento. Il primo a scendere è stato Giuseppe, il 23 gennaio 2012, seguito da Carmine pochi giorni dopo. Oliviero è rimasto solo poco più di 24 ore perché, il 3 febbraio, lo ha raggiunto Stanislao Focarelli. Quando anche Oliviero ha deciso di tornare a casa, il 24 febbraio, gli ha dato il cambio Rocco Minutolo. Dopo 95 giorni anche Rocco ha desistito e Stanislao ha resistito, solo, fino a lunedì 18 giugno quando, ottenuto il ripristino dei treni notte, è sceso anche lui.

"La torre ha fatto Il suo corso", ha commentato Stanislao, appena messo piede a terra, dopo 140 giorni di permanenza. "Ma la lotta continua. Resta l'amaro in bocca perché volevamo festeggiare tutti assieme. La battaglia civile è stata vinta, ora continua quella per il lavoro". Infatti, mentre i treni notte per Lecce, Reggio Calabria e Palermo vengono ripristinati, gli ex Wagon Lits ancora disoccupati sono 30 e, per continuare la protesta, rimangono i presidi sulla piattaforma sotto la Torre e quello all'interno della Stazione Centrale, entrambi lungo il Binario 21.

Gli obiettivi che hanno spinto gli ex Wagon lits a salire sulla Torre Faro del Binario 21 erano il ripristino dei treni notte e un tavolo nazionale per il ricollocamento degli 800 lavoratori licenziati in tutta Italia, perché, come hanno sempre sostenuto, "il diritto alla mobilità è un problema nazionale". Dopo una battaglia lunga poco più di 6 mesi, "civile e democratica", come l'hanno sempre definita, i treni notte sono stati ripristinati. Il diritto di viaggiare per le fasce più deboli a un prezzo accessibile è salvo ma loro, su quei treni, non ci sono. Hanno davvero vinto?


(Photocredit)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO