Venezia: studente ebreo picchiato da un gruppo di arabi

Il ragazzo aveva kippah e tzitzit, quindi era facilmente riconoscibile. La Digos pensa a un caso di antisemitismo.

ebreiortodossi.jpg


Un ragazzo americano di 20 anni, ebreo, ha denunciato di essere stato picchiato da un gruppo di arabi nel centro di Venezia. Sarebbe successo la notte di Capodanno, al rientro dai festeggiamenti per San Silvestro. Lo studente ha raccontato alla Digos di essere stato affrontato e picchiato selvaggiamente da "dieci, forse quindici ragazzi, tutti arabi".


Un pestaggio che non sarebbe stato figlio di una sbronza, ma di antisemitismo. In questa direzione, perlomeno, paiono andare le indagini. La vittima fa parte del movimento Chabab-Lubavitch, uno dei principali del giudaismo chassidico. Un ebreo ortodosso, insomma. Riconoscibile dalla kippah e dagli tzitzit, frange che si vedono agli angoli degli indumenti e che ricordano i comandamenti. Ecco perché si pensa che il gruppo di arabi non abbia scelto un bersaglio a caso. 

La testimonianza del ragazzo è comunque molto confusa. Questo ha raccontato: stava tornando dalla festa di piazza San Marco. In Strada Nuova, non lontano dal ghetto, viene affrontato dagli arabi. Dice quindi di aver avuto una breve discussione con loro e di essere stato poi buttato in un punto buio della calle dove è stato picchiato. La scena sarebbe stata vista da alcuni testimoni, uno dei quali già sentito in questura. 


Lo studente va in ospedale verso le 4 di mattina: la prognosi, per lui, è di 7 giorni per una ferita lacero contusa. Chi fa parte della comunità del ragazzo, aggiunge: "Lo hanno picchiato perché ebreo. Era riconoscibile. Ora è a casa con ferite sulla testa e sul mento". La Digos ha già interrogato pure il rabbino della comunità. Si stanno acquisendo le immagini delle telecamere di sorveglianza. 


LINK UTILI:


Razzismo contro gli ebrei: in Francia spopola l'hashtag #UnBonJuif


Chelsea Juventus 2-2: insulti razzisti per Obi Mikel su Twitter


Olimpiadi Londra 2012: razzismo su Twitter, atleta greca a casa

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO