Influenza a New York: è emergenza

Venti bambini morti, 700 persone in tutto il Paese. Per i medici Usa, è la peggiore epidemia degli ultimi 10 anni.

159254449.jpg


L'influenza sta colpendo duro negli Stati Uniti, in particolare a Boston e New York. Gli esperti parlano di "epidemia imprevedibile". Sono già morti 20 bambini in tutti gli Usa, 3.700 persone sono state ricoverate in ospedale. Nella Grande Mela i contagiati sono 20mila contro i 4.400 di tutto il 2012. E' stato dichiarato lo stato di emergenza.


La Carolina del Nord è in pieno allarme, tanto che in una zona dello Stato sono state chiuse le scuole. In tutto il Paese si contano già 700 decessi, una cifra dieci volte superiore alle altre forme influenzali dello scorso anno. 

Responsabile del contagio è il virus H3N2, in circolazione da questo inverno. I medici statunitensi si sono trovati di fronte a un ceppo particolarmente resistente anche ai medicinali. Chi viene colpito, resta a letto anche due settimane e a volte si ritrova con complicazioni come la polmonite o, addirittura, la morte.


L'organismo federale della salute pubblica americana parla di una delle peggiori epidemie degli ultimi dieci anni. La situazione potrebbe anche peggiorare nelle prossime settimane. Al momento, sono 41 gli Stati Usa dove si è registrato almeno un caso, in 29 la situazione è severa. Il contagio non rimarrà oltreoceano ancora per molto, secondo gli esperti anche in Italia presto inizieremo a sentirne gli effetti.


Credit image by Getty Images


LINK UTILI:


Antibiotici come usarli: corretto utilizzo, Italia agli ultimi posti nell'UE.


Influenza vaccini Novartis: il Ministero ai cittadini 'Non acquistateli'.


Per prevenire e curare l'influenza tenete presenti le "terapie dolci".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO