Processo Ruby: niente rinvio e niente legittimo impedimento, "Berlusconi non è candidato premier"

I legali dell'ex premier hanno rinunciato alla testimonianza di Karima el Mahrough, in arte Ruby Rubacuori.

111738847.jpg


Ci hanno provato ad addurre il legittimo impedimento i legali di Silvio Berlusconi, alle prese con il processo Ruby.

La difesa ha anche chiesto nel corso dell'udienza di oggi di sospendere fino al voto di febbraio il procedimento per motivi elettorali.


Ma Silvio Berlusconi non è candidato premier e quindi il processo che lo vede imputato può tranquillamente andare avanti come ha detto il pm Ilda Boccassini. L'assenza del Cavaliere in aula, ha precisato il giudice Giulia Turri, è legata "a una sua scelta personale", perchè la riunione del partito "non è riconducibile all'attività parlamentare in senso proprio o in senso lato".


Feroci le critiche di alcuni esponenti del Pdl sul processo come leggiamo sulCorriere: il capogruppo del Pdl alla Camera Cicchitto ha parlato di"immancabile intervento del pm Boccassini sulla campagna elettorale", mentre il capogruppo in Senato Gasparri ha accusato i giudici del tribunale di Milano che"non perdono occasione per dimostrare un pregiudizio totale nei confronti di Berlusconi".


Intanto Ruby, che è tornata dalla sua vacanza in Messico - nel corso dell'ultima udienza, lo ricordiamo, aveva clamorosamente 'dato buca' proprio perchè non era in Italia, provocando l'ira funesta del pm - si è presentata in tribunale, ma i difensori di Silvio Berlusconi, in seguito alla decisione dei giudici sulla sospensione del processo, hanno rinunciato alla sua testimonianza. Saranno acquisiti i verbali resi dalla ragazza in sede di indagini preliminari. 


credit image by Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO