Israele foto: su Instagram ragazzino nel mirino di un fucile di un soldato

L'esercito ha aperto un procedimento disciplinare, il militare ha cancellato il suo account su Instagram.

instagramfucile.jpg


Un soldato delle forze di difesa di Israele ha postato su Instagram la foto di un ragazzino palestinese nel mirino del suo fucile. Ed è nato immediatamente lo scandalo. Foto e notizia arrivano dal sito internet Haaretz.


The Electronic Intifada è stato il primo sito a far girare la notizia, criticando aspramente il comportamento del soldato. "Questo è ciò che fanno le forze di occupazione sui civili" ha tuonato Breaking The Silence, un gruppo che vuole sensibilizzare ciò che accade nei Territori occupati palestinesi, attraverso Facebook. 

Il gruppo ha ricordato come nel 2003 fu pubblicata una foto simile a questa, sempre da un soldato israeliano: "In dieci anni non è cambiato niente". E ancora: "Il soldato ha voluto portare con sè un ricordo, il ricordo di un momento di potere di un popolo su un'altra popolazione. Dieci anni sono passati, sono cambiati i modi di condividere le notizie e le immagini, ma la sensazione di qualcuno che ha potere su di te non è mutata assolutamente".


Il soldato, criticato anche dall'esercito di cui fa parte, ha cancellato il suo account da Instagram. I capi dell'esercito israeliano sono stati informati dell'episodio e hanno aperto un'indagine. Recentemente, un altro militare israeliano di fanteria, che aveva postato su Facebook l'immagine di se stesso accanto a detenuti palestinesi legati e bendati, è stato sospeso per 14 giorni e messo in prigione. L'immagine è stata naturalmente rimossa da Facebook. L'inchiesta penale è stata successivamente archiviata perché il soldato era già stato condannato e non aveva commesso un crimine.


Due anni prima, una donna-soldato - per un episodio simile - era stata sottoposta a procedimento disciplinare, ma si era deciso che quello che aveva fatto non era stato un crimine.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO