Il Carnevale di Rio è legato al narcotraffico

La escola de samba Unidos de Vila Isabel, vincitrice del Carnevale di Rio de Janeiro 2013 sarebbe legata al clan di Wilson Alves, noto boss del crimine organizzato

carnevalerio239.jpg Il narcotraffico non risparmia nemmeno il Carnevale di Rio de Janeiro. La 'escola de samba Unidos de Vila Isabel', vincitrice del Carnevale di Rio 2013 e partecipante alla grande sfilata finale nel Sambodromo Marques de Sapucai, sarebbe infatti collegata al clan di Wilson Alves, noto boss condannato nel 2011 a 23 anni di prigione per contrabbando, scommesse illegali e corruzione.

Esiste insomma una vera e propria forma di delinquenza che opera dietro al grandissimo e leggendario carnevale brasiliano. E non è la prima volta che la polizia opera contro i boss della grande festa carioca. Nell'operazione 'dito di Dio', portata a termine due anni fa erano infatti stati arrestati diversi capi della 'escola' a causa di un giro di scommesse clandestine destinato a finanziare i carri, ciascuno dei quali ha un costo compreso fra i tre e i cinque milioni di dollari.


Al momento in libertà condizionale, Alves, alias Mosé, ha lasciato il controllo della Unidos de Vila Isabel al figlio di 28 anni, Wilson detto Wilsinho e ribattezzato dalla stampa brasiliana 'il padrino' per i presunti legami con i fondi illegali tutt'ora gestiti dal padre.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO