Dall'Egitto la proposta: le piramidi in leasing!

Un cittadino egiziano ha proposto al governo de Il Cairo di rimpinguare le proprie casse vuote attraverso la cessione in leasing, per qualche anno, delle leggendarie Piramidi

piramidiegiziane.jpg L'idea di vendere la fontana di Trevi al famoso turista americano potrebbe uscire dai canoni della leggenda d'italica memoria e trovare una sua reale pratica in Egitto. O quanto meno ha rischiato di essere veramente applicata a Luxor e nella Valle delle Piramidi, per le cui storiche meraviglie una proposta di leasing per nababbi era stata avanza ta al governo de Il Cairo.

Un leasing di qualche anno, magari a qualche ricco stato del Golfo, in cambio di centinaia di miliardi di dollari, per aiutare l'Egitto a rimpinguare le proprie spoglie casse. La proposta è stata però bocciata dal Supremo consiglio delle antichità egiziano.


I consiglieri, sotto la presidenza del ministro Mohamed Ibrahim, si legge in un comunicato, hanno respinto all'unanimità la proposta, avanzata da un cittadino locale, di dare i siti archeologici, come i templi di Luxor e le Piramidi, in usufrutto a un grande tour operator internazionale per tre-cinque anni, dopo una gara pubblica.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO