Guerra in Mali: morto leader di al Qaeda

E' stato il presidente francese Hollande a confermare la morte in combattimenti di Abu Zeid.

164274839.jpg


Nel corso di combattimenti con l'esercito francese nel nord del Mali, è morto Abdelhamid Abu Zeid, capo militare dell'Aqmi, al Qaeda del Maghreb islamico. Lo ha detto il presidente francese, Francois Hollande, che ha confermato "non assoluta certezza" quella che fino a poche ore fa era solo un'indiscrezione.


L'Eliseo ha aggiunto in un comunicato: "E' una tappa importante nella lotta contro il terrorismo nel Sahel". Abu Zeid, 46 anni, algerino, era considerato uno dei leader più spietati dell'organizzazione terroristica islamica.

Tra le azioni più eclatanti dell'Aqmi, nel 2009, il rapimento del turista inglese Edwin Dyer. Secondo più di un testimone, l'uomo era stato successivamente sgozzato da Abu Zeid in persona. Negli ultimi tempi, in realtà, la lotta al potere del gruppo aveva costretto l'algerino ad avere un ruolo di secondo piano a vantaggio dell'emiro algerino Droukdel.


La morte di Abu Zeid sarebbe avvenuta alla fine di febbraio: il riconoscimento del corpo grazie all'esame del dna sui suoi resti nell'altipiano di Ifoghas. E' ancora da chiarire, invece, se sia morto anche Moctar Belmoctar, emiro che era stato allontanato da Aqmi a causa dell'eccessiva ferocia. Si attendono gli esami sul dna, la sua uccisione è stata annunciata dall'esercito del Ciad. Belmoctar aveva organizzato l'assalto al sito gasiero di In Amenas, in Algeria. 


Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO