Roma: mangiano verdure sott'olio, due morti

Intossicazione alimentare da botulino per un medico e suo nipote. Un'altra persona è ricoverata in ospedale.

verdure.jpg


Due persone sono morte a Fiumicino per intossicazione alimentare da botulino. A quanto pare, i due avrebbero mangiato verdure sott'olio mal conservate o comunque scadute. Le vittime sono il 57enne Domenico Paladino, medico anestesista, e suo nipote Francesco Paladino, 50 anni, barista allo stadio Olimpico. 


Il figlio del medico, il 23enne Francesco, è ricoverato fuori pericolo di vita all'ospedale di Bracciano. 

Sono stati i vicini a trovare i tre dopo aver sfondato la porta dell'abitazione (il medico e il nipote non si erano presentati a un appuntamento), sono intervenuti i carabinieri e sono in corso rilievi da parte del Nucleo investigativo di Osta e del Nor di Civitavecchia. Il botulino, chiamato Clostridium botulinum, è un batterio anaerobico che si può sviluppare in conserve sigillate artigianalmente in maniera non corretta.


Livio De Angelis, responsabile della sala operativa del 118 di Roma, ha detto: "Dalle prime analisi, i tre avrebbero consumato a cena le conserve alimentari". Sono in corso nuovi esami.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO