Marò, il ministro Terzi parla alla Camera: "Ricostruzioni fantasiose sull'accaduto", e si dimette

Oggi pomeriggio il ministro degli Esteri Giulio Terzi ha parlato alla Camera, e in seguito ha annunciato le sue dimissioni.

fbsindaco.jpg


UPDATE! 16.11
Terzi: "Ero contrario a rimandare in India i marò, ma la mia voce è rimasta inscoltata".


Di Paola (ministro della Difesa): "Sarebbe facile oggi lasciare la poltrona, ma non sarebbe giusto e non lo farò. Non abbandonderò la nave in difficoltà con Massimiliano e Salvatore a bordo fino all'ultimo giorno di governo".


Intanto che fa il giro del web l'illuminante opinione di un sindaco ligure sul caso marò, cerchiamo di fare il punto della situazione.

E' in corso al momento l'attesa audizione alla Camera del ministro degli Esteri, Giulio Terzi, che ha detto:


"Sulla vicenda, mai avrei agito senza dare informativa a tutte le autorità di governo [...] È risibile e strumentale sostenere che la Farnesina ha agito per fatti suoi. Io ho dato informazioni a tutte le autorità di governo sugli aspetti critici del negoziato con l'India [...] La decisione indiana di sospendere l'immunità del nostro ambasciatore è stata interpretata come un atto di ritorsione che ha indebolito la legittimità del governo indiano, siamo davanti a una palese violazione della convenzione di Vienna"


In merito all'accusa contestata a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone non sarebbe "mai stata suffragata da prove attendibili, mentre loro negano ogni addebito" e sulla decisione di trattenere in Italia i marò, "tutte le istituzioni erano informate e d'accordo".


Ma Terzi ha comunque deciso di dimettersi:


"Mi dimetto perchè per 40 anni ho ritenuto e ritengo oggi in maniera ancora più forte che vada salvaguardata l'onorabilità del Paese, delle forze armate e della diplomazia italiana. Mi dimetto perchè solidale con i nostri due marò e con le loro famiglie"


Intanto in India il sottosegretario agli Esteri in questi giorni sta girando le televisioni indiane per "salvare la faccia della diplomazia italiana". Ne parla su China-Files Matteo Miavaldi, che nelle scorse settimane aveva già ricostruito dalle fonti indiane le contraddizioni e le strumentalizzazioni della vicenda (qui è possibile vedere l'intervista in inglese andata in onda il 24 marzo su Ndtv).

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO