Incendio in scuola islamica: 13 morti

Si teme un attentato dopo le violenze degli ultimi giorni, a sfondo religioso, tra musulmani e buddisti.

165210789.jpg


Un incendio in una scuola islamica a Rangoon, in Birmania, ha provocato la morte di tredici persone, tutti maschi. Le fiamme si sono sviluppate nella notte nel dormitorio dell'area di Botataung, alla periferia dell'ex capitale. Non si esclude la matrice dolosa. I vigili del fuoco sono intervenuti tempestivamente, riuscendo a far uscire 75 studenti da una porta sfondata; in 13 - tutti tra i 13 e i 14 anni - non ce l'hanno fatta.


Secondo un passante, la tragedia sarebbe potuta essere evitata, ma le porte erano sprangate per il timore di attentati da parte dei buddisti, dopo gli scontri delle ultime settimane. 

La polizia ha parlato inizialmente di un corto circuito, ma poi ha ammesso che sono necessarie altre indagini. Molti attivisti musulmani temono sia stato un attentato. Verrà istituita una commissione d'inchiesta, in cui siederanno anche i leader musulmani. Alcuni insegnanti e studenti hanno raccontato di essere scivolati su un liquido oleoso mentre scappavano.


Un capo musulmano ha rivelato: "L'olio puzzava di diesel o benzina. Il governo deve rivelare la verità". Lo scorso 20 marzo, la rissa in un mercato è degenerata in una caccia dl musulmano che ha lasciato sul terreno 43 morti e 12mila sfollati. 


Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO