Pena di morte: Amnesty, 682 esecuzioni nel 2012 con la Cina in testa

In Iraq sono raddoppiate le pene capitali rispetto al 2011, negli Stati Uniti sono state 43 come l'anno prima.

158722596.jpg


La Cina è lo Stato in cui si eseguono più condanne a morte. Nel 2012, secondo il rapporto di Amnesty International, in totale sono state 682 le pene di morte, due in più rispetto al 2011. 


I dati cinesi non sono completi a causa della segretezza imposta dal regime comunista. Secondo ciò che filtra, saremmo addirittura a più di mille persone. Al secondo posto c'è l'Iran, poi l'Iraq, l'Arabia Saudita, gli Stati Uniti e lo Yemen. Sono stati 21 i Paesi nel mondo che hanno eseguito le condanne a morte, il 10 per cento del totale. Dieci anni fa, i Paesi coinvolti erano 28.

Purtroppo, sono da segnalare esecuzioni in Stati che parevano aver abbandonato questa pratica: ossia Giappone, Gambia, India e Pakistan. Allarmante la situazione in Iraq, dove le condanne a morte sono raddoppiate rispetto al 2011 (129 contro 68). Le sentenze capitali sono state 1.722 in 58 Paesi, rispetto alle 1.923 in 63 Stati dell'anno precedente.


I metodi di messa a morte comprendono l'impiccagione, la decapitazione, la fucilazione e l'iniezione letale. In Arabia Saudita, il corpo di un uomo decapitato è stato successivamente crocifisso. Le condanne a morte hanno riguardato anche reati come la droga, di natura economica, l'adulterio, la blasfemia e l'apostasia.


In Iran, ufficialmente, sono state uccise 314 persone. Negli Stati Uniti siamo a quota 43, come nel 2011. 


Qui trovate il file .pdf da scaricare sul Rapporto completo di Amnesty relativo alle pene di morte del 2012.


Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO