Nozze gay, in Gran Bretagna il sì della Camera dei Lord

Dopo l'ok della Camera dei Comuni arriva anche quello dei Lord alla legge sui matrimoni egualitari. Bocciata la mozione che voleva bloccare le nozze gay.

Camera dei Lord primo ok a nozze gay.jpg


La Camera dei Lord ieri sera ha bocciato la mozione del barone Geoffrey Dear che voleva bloccare la legge sui matrimoni egualitari perché, secondo lui, volta le spalle a "secoli di tradizione". La legge aveva già avuto il sì della Camera dei Comuni due settimane fa con 366 voti a favore e 161 contrari.


Ora mancano il giudizio dell'apposita commissione che la esaminerà con attenzione, poi ci sarà un terzo passaggio alla Camera dei Lord e infine il sigillo reale della Regina Elisabetta. Volendo essere ottimista, il governo Cameron ha annunciato che già nel 2014 si potrebbero avere le prime nozze gay del Regno Unito.

Il percorso della legge che consente i matrimoni tra persone dello stesso sesso è stato finora piuttosto difficile e articolato in Inghilterra. Durante la discussione nella Camera dei Comuni ci sono stati molti momenti di tensione e Cameron, che ha lasciato ai suoi libertà di voto, si è ritrovato con 133 deputati conservatori contrari, ma ha potuto contare sul sostegno dell'opposizione laburista. 


Solitamente nella Camera dei Lord le leggi non incontrano ostacoli, invece Lord Tebbit e Lord Waddinton  si sono opposti a Cameron, Lord Vinson ha richiesto l'introduzione di alcune garanzie per le persone che per motivi religiosi non possono accettare i matrimoni tra omosessuali, infine Lord Dear ha presentato la sua mozione killer, ma 390 colleghi sono stati favorevoli a respingerla e solo 148 la volevano mantenere. La maggioranza di 242 voti contrari a tale mozione permette alla legge di andare avanti con buona pace di chi, come l'arcivescovo di Canterbury Justin Welby, si era opposto apertamente all'allargamento del diritto di sposarsi alle persone gay.


Sarà contento invece Lord Browne, che ha lasciato la guida del colosso petrolifero proprio per le sue voci sulla sua omosessualità, che per sostenere questa legge ha anche scritto una lettera al Financial Times, sostenendo che le nozze gay potrebbero essere di grande aiuto anche per l'economia del Paese.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO