Usa, espulsa da Università cristiana perché gay, deve pagare 6mila dollari per recuperare gli esami

Danielle Powell è stata espulsa dalla Grace University di Omaha (Nebraska) perché lesbica e ora se vuole trasferirsi in un altro istituto per laurearsi deve restituire una borsa di studio di 6mila dollari.

Danielle e sua moglie a un concerto - Youtube.png


Una ragazza americana che frequentava dal 2011 la Grace University, un'università cristiana a Omaha, nel Nebraska, non può laurearsi perché è gay e non rispetta i principi che ispirano l'istituto presso il quale ha studiato. Mancandole questo requisito fondamentale non può concludere il suo percorso di studi a un passo dal titolo, ma oltre il danno c'è la beffa: se vuole laurearsi presso un'altra università deve prima pagare una somma di 6300 dollari alla Grace University.


La storia di Danielle Powell è stata portata alla luce da sua moglie, Michelle Rogers, che tenta disperatamente di aiutarla a conquistare finalmente la sua agognata e faticata laurea, traguardo a cui la ragazza tiene moltissimo perché sarebbe la prima nella sua famiglia a raggiungerlo. Ma dopo tre anni di studi si trova costretta a dover pagare per poter finalmente concludere il percorso universitario.

Danielle era una studentessa modello e per questo ha vinto delle borse di studio, ma nel 2012 la Grace University ha scoperto, grazie a un consigliere spirituale della scuola, che la ragazza era fidanzata con una persona del suo stesso sesso e per questo è stata giudicata davanti a una commissione che le ha detto che se voleva continuare a studiare in quell'istituto doveva "redimersi". Per questo è stata sospesa e nel frattempo costretta a frequentare un programma di recupero che includeva l'obbligo di frequenza in chiesa e una serie di consulenze per farla "tornare" eterosessuale. Danielle peraltro ha dovuto fare coming out con la sua famiglia senza essere ancora pronta e nonostante il "corso di recupero" ha continuato a frequentare altre ragazze, scatenando l'ira della bigotta università che l'ha definitivamente espulsa appellandosi alla guida dello studente secondo la quale tutti gli studenti coinvolti in un comportamento sessuale immorale, compreso il sesso prima del matrimonio, l'adulterio e gli atti omosessuali, possono essere tenuti sotto osservazione dall'Università e giudicati da una commissione, esattamente come è successo a Danielle.


Ora Danielle, che nel frattempo si è sposata da pochissimo con Michelle, vorrebbe terminare gli studi anche in un'altra università, ma non può farlo perché non ha 6300 dollari da restituire all'Università, ossia i soldi che aveva guadagnato come borsa di studio nel semestre durante il quale poi è stata espulsa. L'Università, per bocca del vice presidente esecutivo Michael James, si è difesa dicendo di aver dato a Danielle la documentazione per il trasferimento, ma la ragazza ha scoperto che si tratta di una copia per gli studenti che non ha valore nel momento in cui ci si iscrive presso un altro istituto e dunque non le consente di recuperare tutti i suoi crediti universitari.


La neo-moglie di Danielle, visto il successo del video della loro proposta di nozze avvenuta durante un concerto a dicembre scorso, ha lanciato una petizione che in pochissimo tempo ha raggiunto migliaia di adesioni. Chi firma acconsente a inviare un messaggio a Michael James affinché rinunci a esigere i soldi di Danielle poiché l'espulsione che la ragazza ha subito è profondamente ingiusta in quanto scaturita solo dalle sue inclinazioni sessuali che nulla hanno a che fare con gli studi.
Il video della proposta di matrimonio di Danielle e Michelle





Foto YouTube - Fonte Huffingtonpost.com

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO